"Amore, voglio farti un bel regalo! Che ne diresti di un naso nuovo?". Se la mia ragazza avesse un'uscita del genere, magari mentre si era intenti a scambiarci qualche coccola, probabilmente l'autostima, il decoro, il senso per le istituzioni e l'amor patriae scenderebbe sotto i tacchi e, se ovemai ci fossero già le pubblicazioni in chiesa per un eventuale matrimonio, andrei a disdire tutto. E anche di corsa. Così non è per la coppia ormai più disastrata, combinaguai e procura-gossip degli ultimi quindici anni, Belen e Stefano De Martino (ormai celebre per essere l'uomo che catturò la farfalla). A leggere i giornali scandalistici, pare che la soubrette argentina sia intenzionata a regalare una seduta di chirurgia plastica al suo giovane e scapestrato ragazzo, una sorta di contro-regalo dopo quello che lui ha fatto a lei, accompagnandola dal suo tatuatore personale a Torre Del Greco, città natìa del ballerino.

L'operazione sarebbe già avvenuta, le correzioni apportate al naso di Stefano si sarebbero rese necessarie a seguito dell'incidente che i due ragazzi hanno avuto nelle scorse settimane. Ad eseguire l'intervento ci avrebbe pensato, appunto, il chirurgo di fiducia dell'argentina, quindi uno scambio alla pari basato su professionisti di fiducia: un tatuatore per un chirurgo. Fossero stati uno psicologo per una baby-sitter, la dimensione, visti i personaggi, sarebbe stata sicuramente più ideale. Magari il naso nuovo, il giovinastro Stefano poteva "giocare" creandoselo con la plastilina! Un peccato ingenuo soprendersi? Probabilmente si perché il problema reale è che in tanti oggi, al salumiere sotto casa e al giornalaio, hanno sostituito tatuaggi e ritocchini estetici.