Poco prima di partire per Ibiza, anche quest'anno meta delle sue vacanze estive, Belen Rodriguez ha rilasciato un'intervista a Vanity Fair, in cui ha tracciato un bilancio di questo 2017 positivo e pieno di gioie lavorative e personali. L'amore con Andrea Iannone, sbocciato proprio un anno fa nella calda isola spagnola, va alla grande e anche sul piano professionale tutto procede a meraviglia: "Sto bene, sono contenta, i miei progetti procedono per il meglio e sono sempre stimolata da cose nuove. Non sono però incinta, come tutti dicono". Il piccolo Santiago, figlio dell'ex Stefano De Martino, per il momento, rimarrà dunque figlio unico.

Proprio riguardo al rapporto fortissimo con Santiago, costantemente al centro della vita della showgirl e presenza quotidiana dei suoi scatti social, Belen ha dichiarato

È un bambino buono, cerco di stimolarlo il più possibile. Ci tengo che impari tante lingue perché sono la chiave del mondo. E mi preoccupo tanto: essere mamma è una bella responsabilità. Spero di essere brava a insegnargli di cos'è fatto il mondo reale. È diverso quando vieni dal nulla come me, lui ormai ha capito quello che io e suo padre facciamo, sa di essere figlio di due persone conosciute. E non voglio che dia le cose per scontate.

La Rodriguez ha quindi raccontato un aneddoto simpatico sul bambino. Il piccolo, fino a poco tempo fa, era convinto di avere due mamme: "Quella seduta accanto a lui e quella che contemporaneamente parlava in tv. E io a quel punto mi nascondevo dietro la televisione e poi saltavo fuori gridando ‘Cucù'". Lei e il figlio, che oggi ha 4 anni, continuano a divertirsi molto insieme e a giocare in continuazione. E i rapporti con De Martino sono oggi molto distesi: "È un bravissimo papà".

"Non ho amici maschi etero, ci provano sempre"

Belen ha quindi parlato del bel rapporto di amicizia che la lega alle colleghe Michelle Hunziker e Simona Ventura, con cui ha lavorato rispettivamente a Striscia la Notizia e Selfie – Le cose cambiano. Con la Ventura non c'è nessuna rivalità, a dispetto dei rumors circolati ultimamente.

In Michelle ho trovato un'amica. Ci sentiamo spesso. Provo tanta stima nei suoi confronti. E anche di Simona posso dire solo bene: è una donna forte. È caduta e si è sempre rialzata. E mi ha insegnato tanto.

La complicità femminile, per lei, è molto importante: "Mia madre, mia sorella, mia nonna: sono sempre stata circondata da grandi donne. In più, ho 5-6 amiche a cui non rinuncerei mai. Ci chiamiamo ‘il cerchio delle inseparabili‘". Gli amici maschi, invece, scarseggiano, per motivi tutt'altro che sorprendenti

Etero? Non ne ho mai avuti. Alla fine, prima o dopo, ci provano sempre. Non mi vedono come un'amica. Non per questo penso che l'amicizia uomo-donna non possa funzionare. Dico solo che a me non è ancora successo. Ma una cosa l’ho imparata: mai dire mai.