Nel giorno in cui i quotidiani, i tabloid e le televisioni di tutto il mondo hanno celebrato il 20esimo anniversario della morte di Lady Diana, la regina Elisabetta e il principe Carlo hanno fatto perdere le loro tracce. Nessuna commemorazione ufficiale è stata istituita da Buckingham Palace per ricordare la principessa triste a 20 anni dall’incidente a Parigi che spezzò la sua giovane vita.

Il fantasma di Diana aleggia ancora sulla casa reale britannica, turbandone l’equilibro faticosamente riconquistato. Da qui la decisione di non organizzare alcun ricordo che potesse celebrare la figura della principessa, nulla che restituisse agli inglesi la visione d’insieme di una famiglia coronata unita nel commemorare una donna tanto amata dal popolo. Nel giorno in cui si celebravano i 20 anni dalla morte della Spencer, la regina è rimasta confinata nel castello di Balmoral, in Scozia, così come l’ex marito Carlo che non ha lasciato le verdeggianti pianure scozzesi per mostrare ai sudditi la costernazione dovuta durante un evento di questo tipo.

L’omaggio di William e Harry alla madre scomparsa.

A ricordare Diana sono stati solo i figli William e Harry. L’erede al trono e l’ex scapestrato secondogenito della principessa hanno tenuto un incontro con le organizzazioni filantropiche, le stesse delle quali la madre si era sempre occupata quando era in vita. I figli hanno ricordato Diana pubblicamente, rilasciando alcune interviste nostalgiche attraverso le quali hanno tentato di fornire al popolo inglese il ricordo di quella che è stata per anni la donna più importante nella vita di entrambi, madre amorevole e sempre presente la cui scomparsa non sono mai riusciti a gettarsi davvero alle spalle.