"Bello per i bambini vede a due maschi che fanno le fusa tanto si purtroppo il mondo sarà dei cul….!!!!!". "Tutti a dire che è normale, se in questo mondo tutti fossero gay non ci sarebbero più bambini!". "Due ragazzoni così… non capisco… contenti loro…. ma come non può piacere un corpo di una femmina!!". "Ai miei tempi si nascondevano, che schifo". "Due schifosi". "Bruciateli vivi questi culatoni". "Vai Aids, contagiali e consegnali alla signora Morte". 

Ecco, questo sono alcuni tra centinaia di commenti omofobi arrivati sul post che mostra le effusioni di Stefano Gabbana e del suo nuovo compagno e si badi che abbiamo selezionato il ‘meglio del peggio', perché in maniera inverosimile si riesce a scendere ancora più in basso di così. Il nostro paese ha vissuto un'estate infausta dal punto di vista civico, mostrando il suo lato più becero e arrogante. Dal caso ‘migranti' con il tifo da stadio alla vista delle assurde immagini dello sgombero di Piazza Indipendenza fino alle recenti notizie sugli stupri con un dibattito politico e sociale "che ha toccato il fondo", come suggerisce la Boldrini. La gravità della violenza, insomma, anche in questo è un fatto legato alla nazionalità di commette (o subisce) lo stupro. E prima ancora di tutto questo, abbiamo assistito a come certa stampa abbia raccontato l'assassinio di Vincenzo Ruggiero, il ragazzo fatto a pezzi e cementificato da un rivale in amore. Nella storia gli elementi sensazionalistici c'erano tutti per sbattere gay e trans in prima pagina.

In questo scenario, non si può lasciar passare come niente gli insulti contro Stefano Gabbana e il suo compagno sulle pagine del nostro giornale. Non vogliamo vivere più in una società ottusa e supponente, arrogante e ‘cattivista'. I nostri figli dovrebbero crescere con la consapevolezza che non c'è mai errore quando si ama, non c'è vergogna se due uomini/due donne si baciano, non c'è vergogna se il colore della pelle è diverso dal tuo. C'è amore. E dovrebbe bastare questo, perché è la cosa più semplice del mondo da capire. Ecco perché chi sta insultando Stefano Gabbana e il suo compagno non è un omofobo, ma è solo un cretino.