A pochi giorni dal compimento dei suoi 50 anni, grossi guai finanziari rovinano la festa a Gianluca Vacchi. Il ricchissimo re dei social network, secondo quanto riportato dai quotidiani del gruppo Riffeser QN, La Nazione e il Resto del Carlino, sarebbe sull'orlo del fallimento, a causa di un debito da 10 milioni di euro con Banco Bpm. Il gruppo bancario ha ordinato il pignoramento dei beni del magnate: parliamo di yacht, ville, azioni e quote del golf club Casalunga di Castenaso. Il crack si sarebbe originato da "un prestito da 10 milioni e mezzo di euro ottenuto dalla First Investment spa, la holding di partecipazioni di cui Vacchi è amministratore unico" (ma si parla anche di un buco che inizialmente sarebbe ammontato a circa 30 milioni).

Per la webstar da 12 milioni di fan su Instagram, che quotidianamente posta immagini e video della sua vita da sogno tra lusso sfrenato e belle donne (da Giorgia Gabriele alla miss colombiana Ariadna Gutierrez) si metterebbe dunque decisamente male. L'enorme patrimonio del milionario viene dalla sua famiglia e tempo fa emerse una storia curiosa sulla sua attività imprenditoriale in tale ambito: non avrebbe un posto di rilievo nell'Ima, l'azienda dei Vacchi di cui sarebbe solo azionista e non dirigente. In compenso, dice oggi la Nazione, avrebbe aperto in proprio una serie di società nel corso degli anni tutt'altro che redditizie, "che fatturano 70 mila euro l’ anno (come la Gianluca Vacchi Lifestyle) e ne perdono 7mila". "Dopo una crisi di mezza età ho capito che dovevo godermi la vita", ha dichiarato lui di recente, spiegando di amare molto di più il tempo libero di quello trascorso in ufficio.