Chissà se Ennio Morricone si aspettava di vivere anche l'ebrezza della viralità e del successo social alla soglia dei 90 anni. L'arrivo a Los Angeles per il weekend degli Oscar ha fatto il giro del mondo, i fan, tanti, ad attenderlo all'aeroporto hanno dato il via ad una lunga passerella che, partendo dalla stella della Walk Of Fame, troverà il culmine durante la fatidica notte, quando il Maestro avrà l'occasione di alzare il suo primo Oscar per una composizione originale (quello nel 2007 era solo un Oscar alla carriera). Ma a catturare l'attenzione, a rendere uniche le immagini del suo arrivo, è la presenza di Maria Travia, compagna di vita e moglie dal 1956: 60 anni di matrimonio. Partiti come due amabili vecchietti come tanti verso un sogno, verso un traguardo che è il coronamento di una esistenza fatta di sacrifici e musica.

Ennio e Maria uniti da musica e scrittura.

Perché è la musica che ha fatto trovare Ennio e Maria, nata a S.Giorgio di Gioiosa Marea il 31 dicembre 1932, ma trasferita a Roma già dal 1933. Quella sarà la città di una vita per entrambi, anche quando offriranno al Maestro ville di ogni tipo tra Hollywood e San Francisco, tra New York e Miami, loro hanno sempre preferito un "No, grazie", tornando a Roma insieme ai loro quattro figli: il primo, Marco, la prima ed unica femmina, Alessandra e i due artisti, Andrea, un musicista, e Giovanni, un regista e sceneggiatore. Andrea tutto suo padre, Giovanni sua madre: già perché Maria Travia è stata, all'occorrenza, musa ispiratrice dei temi del Maestro ma soprattutto autrice.

Sue le parole di "Immagini dal tempo" da "L'alibi", le arie di "Seduzione Interrotta" da "La cage aux folles", il primo meraviglioso capitolo de "Il vizietto" e ancora le parole di  "Mia madre si chiama Francesca", ripresa negli anni anche da Milva.

Maria Travia sulla strada per diventare Ennio Morricone.

È la famiglia che ha indirizzato Ennio sulla strada per diventare Morricone e Maria Travia ne rappresenta uno snodo fondamentale, un punto topico e focale. Un progetto di vita che si arricchisce con l'arrivo del primo figlio Marco nel 1955, da lì la necessità di trovare lavoro, assunto dalla Rai come assistente musicale, ma durerà un solo giorno. Quell'evento fa sì che il Maestro iniziasse a concentrarsi esclusivamente sul cinema, allontanandosi piano dalle musiche per i varietà televisivi.

Nel '61 nasce Alessandra e nel '64 Andrea: è l'anno che segna un'epoca perché nasce anche il sodalizio con Sergio Leone e la carriera prende definitivamente il volo. Maria Travia è sempre lì, al suo fianco: un punto di riferimento costante, una sponda meravigliosa e una presenza che è complementare e mai invasiva. Anche oggi, in un fantastico nuovo capitolo, Maria Travia è esattamente dove dovrebbe essere, mano nella mano accanto ad Ennio. Una storia bella, come al cinema, una storia che merita l'Oscar.