Maurizio Costanzo commenta con orgoglio i risultati in termini di ascolti della puntata de L’Intervista che ha avuto per protagonista Maria De Filippi. Il noto conduttore tv ha intervistato la moglie per la prima volta in tv, regalando ai telespettatori un imperdibile momento di televisione. Quella puntata del talk one-to-one è stata trasmessa in seconda serata, ma ha ottenuto i risultati di ascolto tipici del prime time. Un risultato sorprendente e meritato, che Costanzo commenta con orgoglio al Correre della sera: "Dico la verità, non me lo aspettavo. Sono ascolti da prima serata. Una bella sorpresa".

I complimenti, però, sono riservati soprattutto alla moglie che, con la puntata andata in onda il 2 febbraio 2017, gli ha consentito di aggiungere un risultato del genere alla lunga lista di successi che hanno costellato la sua lunga carriera

Io so che questa è la vera Maria. L'immagine fredda, poco incline alle emozioni che hanno alcuni non è reale: lei non è così e io la conosco da 25 anni. È bello che abbia mostrato questo suo aspetto. Un po' presuntuosamente mi piace pensare che la gente in qualche modo senta che siamo una coppia… giusta. È stata un’intervista sincera, nata perché era saltato l’ospite previsto e Maria, molto carinamente, mi ha detto: vengo io. Non eravamo mai stati così in tv.

Costanzo: “Mia moglie mi emoziona”.

Maurizio Costanzo aveva già parlato della moglie qualche giorno prima che la puntata de L’intervista dedicata alla De Filippi fosse mandata in onda. Sul finire di una carriera straordinaria che dura da oltre 30 anni, sarebbe la moglie a regalargli oggi le gioie maggiori

Mia moglie mi ha fregato, alla grande! Avevamo pensato a questa intervista per l'ultima puntata. Io avrei preparato i filmati per lei, e lei sarebbe stata un'ospite come gli altri. Io sono molto meticoloso e avevo già fatto montare i filmati con titoli e narrativa, per usarli quando sarebbe venuta. E invece, mentre aspettavo un altro ospite, è sbucata all'improvviso e mi ha fregato. Me l'ha fatta. Segno che anche quando pensi di controllare tutto, poi il tutto controlla una parte di te. È stato un momento emozionante. Alla mia età, dopo aver combattuto la mafia, dopo aver raccontato le tragedie d'Italia e avere incontrato i personaggi che hanno fatto la storia, da Totò a Oriana Fallaci a Donald Trump, non credevo di potermi emozionare ancora così. Di dover trattenere il fiato per portare a termine il mio lavoro.