George Clooney si prepara a diventare padre. Insieme alla moglie Amal Alamuddin, accoglierà presto due gemelli. In un'intervista esclusiva, rilasciata al settimanale ‘Chi', la star hollywoodiana ha fornito ulteriori dettagli, su questo magico momento della sua vita.

L'idea di diventare papà lo rende estremamente entusiasta, nello stesso tempo però, lo preoccupa anche un po'

"È un po’ da pazzi, vero? Se mi avessero detto che un giorno sarei diventato papà di due gemelli…Sono tre anni che dicono che Amal è incinta, ma questa volta è vero. Io e lei non facciamo mai niente a metà. Siamo preoccupati e felici allo stesso tempo. Io ci penso sempre, 24 ore al giorno. Come non provare ansia di fronte a questa enorme responsabilità? Far nascere un bambino in questo mondo… addirittura due! Siamo molto felici, entusiasti, ma anche un po’ nervosi, anche se credo sia normale. Non so da dove vengano le voci che avremo un maschio e una femmina, nemmeno noi lo sappiamo ancora, e non vogliamo saperlo".

George Clooney: "La notizia è stata diffusa dalla moglie di un mio amico"

L'attore ha svelato un retroscena, chiarendo come la notizia si sia diffusa. Il contesto che ha dato il via al ciclone mediatico, non era certo dei più lieti. George Clooney si trovava al funerale di un cugino: "Siamo stati colti alla sprovvista per il modo in cui si è saputa la cosa. Io ero al funerale di mio cugino, più o meno un mese fa, e ho confidato a un amico che Amal aspettava due gemelli. Lui ne ha parlato a sua moglie, che è giornalista, e non è riuscita a non diffondere la notizia. Avremmo preferito che si venisse a sapere in modo diverso, ma pazienza… Questi bambini non facevano parte dei nostri progetti, prima non ne avevamo mai realmente parlato. Ma deve sapere che Amal e io non avevamo mai pronunciato una sola volta la parola ‘matrimonio' prima che le chiedessi di sposarmi. Ho corso un grosso rischio!"

George Cloney: "Per il bene dei nostri figli, io e Amal eviteremo viaggi in luoghi pericolosi"

George Clooney e Amal Alamuddin sono pronti a modificare il loro stile di vita per il bene dei bambini che stanno per venire al mondo: "Abbiamo deciso di essere molto più responsabili, di evitare il pericolo. Io non andrò più né in Sud Sudan, né in Congo, Amal non andrà più in Iraq ed eviterà i luoghi dove sa di non essere la benvenuta. Prima me ne fregavo, direi persino che provavo un certo entusiasmo ad andare dove nessun giornalista era mai andato. Abbiamo la fortuna di vivere in tre Paesi: Italia, America e Inghilterra. Ma quando i bambini andranno a scuola, dovremo decidere dove stabilirci. Nell’attesa, continueremo a spostarci in funzione dei rispettivi impegni. La gente pensa che non stiamo mai insieme, ma non ci siamo mai separati per più di una settimana". Infine ha ribadito ciò che lo ha portato a scegliere Amal Alamuddin come sua compagna di vita

"Amal è la persona più intelligente che conosca, è dolce, comprensiva e ha un gran senso dell’umorismo. Per istinto, cerca sempre il lato positivo. Spesso le persone si sentono intimidite da lei: poiché è molto alta, e molto elegante, dà la sensazione di essere un po’ fredda. Quando la conosci, però, ti rendi conto che è esattamente l’opposto. Ci siamo incontrati tardi, e parlo soprattutto per me. E tutto fra noi è andato molto in fretta: in un attimo abbiamo capito che eravamo fatti l'uno per l’altra, siamo curiosi di ogni esperienza e il futuro ci appassiona".