Gianluca Vacchi festeggia l'importante traguardo dei 50 anni. L'imprenditore, infatti, è nato il 5 agosto 1967. In una lunga intervista rilasciata a Corriere.it ha tracciato un bilancio della sua vita.

"Ho ereditato solo il tre o quattro per cento di ciò che possiedo. Dai 25 ai 45 anni, ho fatto impresa in 12 settori: viaggi last minute, roulotte, orologi… Poi, è arrivata la crisi di mezza età: ho capito che, dopo aver lavorato duramente, dovevo costruire qualità della vita".

Gianluca Vacchi non voleva essere ricco ma eccellere.

L'imprenditore, quando gli è stato chiesto se da ragazzo desiderasse essere ricco, ha spiegato che il suo interesse più che nella ricchezza era nella possibilità di eccellere

"Io voglio eccellere in tutto quello che faccio. Da sciatore, battevo Alberto Tomba e sono stato campione italiano di slalom. Ho lasciato perché dopo la laurea in Economia ho intuito che la Ima, che fa macchine per confezionare tè, farmaci e cosmetici, aveva prospettive enormi. Ho acquisito le quote dei parenti meno interessati, indebitandomi per cinque volte il patrimonio di papà".

Vacchi è affiancato da un precettore con il quale approfondisce materie come la filosofia, la teologia e la storia. Ha svelato, poi, come riesce a mantenere corpo e mente sani

"Ho tre costanti: cura del corpo; cura della mente e studio della musica. Faccio sempre sport e la mattina m’iberno nella criosauna a meno 110 gradi: mantiene giovane. Consigliano due minuti, io ne reggo sei. Studiando da deejay sei ore al giorno, ho trovato la mia realizzazione: suono e sento che spargo vibrazioni positive".

Gianluca Vacchi è fidanzato con Ariadna Gutierrez.

Nel corso della lunga intervista, Gianluca Vacchi ha parlato anche della relazione con Ariadna Gutierrez, la splendida modella che da qualche settimana è al suo fianco

"Ariadna Gutiérrez è un esempio di resilienza: l’hanno eletta Miss Universo e poi le hanno tolto la corona dicendo che era un errore. L’ho conosciuta a Miami, ero single da poco, non volevo saperne di donne, ma ora è qui con me".

Vacchi non nasconde che le manca la presenza di un figlio

"Molto. Ho costruito l’affermazione economica, poi la qualità della vita e l’espressione artistica, ora non mi va di disperdere il mio patrimonio genetico".

Nel suo bilancio, anche il dolore per la perdita del padre: "Mi ha dato fiducia. È mancato 17 anni fa e ancora mi si rompe la voce, quando parlo di lui. Mi diceva: laureati e avrai le chiavi della famiglia. Così è stato".