Imma Battaglia si è lasciata andare nella registrazione della puntata di Tv Talk che andrà in onda sabato 11 marzo alle 14.55 su Rai 3. L'attivista per i diritti LGBT è intervenuta nel dibattito sul sostegno della causa omosessuale da parte dei media italiani. Il tema della diversità portato in prima serata in televisione ha scatenato il commento di Monica Leoffredi, conduttrice di Torto o ragione e ospite del programma condotto da Massimo Bernardini, che ha sentito di esporsi affermando che la sensibilità del pubblico sia nettamente cambiata rispetto al passato. Si voglia solo pensare, ha aggiunto la nota conduttrice, al numero di fiction popolari con la presenza di personaggi dichiaratamente gay.

A tal riguardo è intervenuta Imma Battaglia, portando al centro del discorso uno sfogo personale e molto sentito. La nota attivista per i diritti omosessuali si sarebbe detta spaventata dall'ondata di odio gratuito piovuto dopo la sovraesposizione dovuta all'Isola dei Famosi 2017 e al coming out della sua compagna, Eva Grimaldi

… il pubblico delle fiction, non statisticamente, lo considero comunque un pubblico molto elevato e abbastanza più aperto. Trovo che in queste cosiddette trasmissioni pop si colpisce un pubblico, che poi è quello che mi ha infangato di violenza, di accuse terribili. Nella mia vita ho lottato tantissimo, ma quello che sto subendo adesso non l'avevo mai subito. Vi confesso che per la prima volta nella mia vita ho paura ad uscire di casa. Non mi era mai accaduto di avere questo sentimento. I pazzi sono pazzi e gli haters spaventano.

"Abbiamo scattato foto prima della partenza', chiarezza sulla copertina di ‘Chi'

Pochi giorni prima aveva anche fatto chiarezza rispetto alla presenza di alcune foto sulla copertina del settimanale Chi, che la ritraevano abbracciata alla sua Eva con la chiara intenzione di svelare al mondo la loro relazione. La copertina in questione aveva generato tante critiche, essendo la Grimaldi sull'Isola e quindi impossibilitata a scattare le foto in questione o a rilasciare le dichiarazioni annesse. Ergo, il servizio è stato realizzato prima delle rispettive partenze e ciò aveva scatenato un bel po' di polemiche in merito alla sua autenticità. Ma anche in questo caso, Imma Battaglia su Facebook è intervenuta lapidaria

In questo #frullatoremediatico in cui milioni di emozioni mi hanno travolta, vorrei raccontarvi quello che sento… credo sia giusto, visti i tanti #insulti piovuti sulla mia pagina e le accuse di macchinazione e strumentalizzazione che mi hanno raggiunta. Chiunque abbia conosciuto me ed #Eva, sa bene che non ci siamo mai nascoste. Eva ha deciso di partecipare ad un reality, consapevole che la sua vita venisse scandagliata e mostrata a tutti. Ne ha parlato con me e con le nostre amiche e ufficio stampa, Carla e Roberta, prima di partire. Ha chiesto il nostro sostegno e noi glielo abbiamo dato. Questo sostegno si é tradotto da parte mia nell'accettare di raggiungerla in Honduras SENZA ALCUN COMPENSO, se non un rimborso spese per un impegno disdetto (come ogni anno, sarei partita con la famiglia e i nipoti per la montagna). Con questa consapevolezza, prima della partenza di Eva e in accordo con il nostro Ufficio Stampa, abbiamo scattato delle foto che potessero rappresentare dignitosamente il nostro amore, evitando deturpazioni e sciacallaggi. Delle foto scattate appena 5 giorni prima della partenza, che sarebbero rimaste lì fino a quando Eva non avesse ritenuto opportuno parlare del suo privato. Anche per queste foto, NON C'É STATO ALCUN COMPENSO. Tutto ciò che sta girando in rete é COMPLETAMENTE FALSO e denunciabile per diffamazione. Essendo in piene dinamiche di REALITY, nulla potevamo controllare in termini di programmazione e pubblicazione. Ma proprio in questa giornata storica dell'8 marzo, non lascerò che una gioia così grande sia offuscata da tanto fango, rispetto alle emozioni ed alla felicità di una naturale, semplice e serena storia d'amore. Tutto il resto é noia e chiacchiere da bar. Viva le donne e grazie a tutte quelle persone che di contro ci hanno sostenuto, compreso e condiviso la nostra intenzione. Coming out pilotato? NO! Coming out politico? SI! Mai come in questo caso, le immagini di una DONNA ITALIANA DELLO SPETTACOLO che dichiara la propria relazione omosessuale in un #REALITY, sono uno straordinario e coraggioso GESTO POLITICO e non di MERO GOSSIP. E quindi… GRAZIE EVA. Grazie a tutte le #DONNE e gli #UOMINI che ci sostengono!