Nell'agosto dello scorso anno, un terremoto ha messo in ginocchio il Centro Italia. Tra i paesi che hanno subito maggiori danni, c'era Amatrice. In quell'occasione tanto tragica, sul profilo Facebook di Daniela Martani venne pubblicata una frase decisamente indelicata

"Ma è stata inventata ad Amatrice la famosa amatriciana? Ma allora è karma".

L'ex concorrente del Grande Fratello dichiarò di essere stata vittima di un hacker. La sua spiegazione, però, non placò la rabbia degli utenti. In tanti, si riversarono sui suoi profili arrivando persino a minacciarla di morte. Daniela Martani ha deciso di agire contro di loro.

"Daniela Martani ha subito un danno patrimoniale e un crollo di popolarità"

Secondo quanto riportato da Repubblica.it, avrebbe citato in giudizio per diffamazione 21 persone provenienti da Foggia, Bari, Rieti, Viareggio, Imola, Brescia, Foligno, Roma, Verona e Vigevano. Dovranno comparire in aula, presso il tribunale di Roma, il 16 novembre prossimo.

Il risarcimento richiesto ammonterebbe a 596mila euro, dunque poco più di 28 mila euro per ogni utente citato in giudizio. Il legale di Daniela Martani, l'avvocato Carlo Prisco, ha dichiarato

"L'assistita ha patito un danno patrimoniale derivato dall'impossibilità di lavorare come in effetti faceva, ciò senza tacere gli incarichi televisivi non venuti a maturazione per il semplice crollo della sua popolarità".