Kim Kardashian ha parlato per la prima volta della rapina di cui è rimasta vittima, diversi mesi fa, a Parigi. Dopo mesi di silenzio, in un'intervista, la moglie di Kanye West ha raccontato quei momenti di paura e la convinzione che avrebbero fatto violenza su di lei: "Temevo di essere stuprata". Kim Kardashian si è aperta durante il corso di una puntata del reality show ‘Keeping Up with the Kardashians' ed ha raccontato cosa è successo quella notte.

Uno degli uomini armati mi ha messo del nastro adesivo alla bocca per non farmi urlare e mi ha afferrato le gambe e io ero nuda sotto l'accappatoio. Poi mi ha tirata verso di sè davanti al letto ed in quel momento ho pensato, ‘Ecco, questo è il momento. Sarò violentatà.

A differenza di quanto si aspettasse, l'uomo invece le legò solo le gambe con il nastro adesivo. Dopo aver chiuso la Kardashian nel bagno, i ladri andarono via con un bottino di milioni di dollari in gioielli. In seguito all'episodio, 17 persone furono fermate per essere interrogate, finora sono state accusate dieci persone in relazione alla rapina.

Kanye West interrompe il concerto.

Il marito Kanye West era Meadows Festival, non appena ricevuto la notizia ha interrotto il concerto dicendo: "Mi spiace, ho un'emergenza familiare. Devo interrompere lo spettacolo". Il portavoce della coppia aveva lasciato una dichiarazione ufficiale in cui affermava che la Kardashian avesse riferito di essere "molto scossa, ma fisicamente incolume" senza però dare maggiori dettagli, anche perché le indagini sono in corso.