L’espressione del viso, la postura del corpo e la falcata determinata sono tutti inequivocabili segnali del fatto che Lily Rose Depp, figlia d’arte, sa perfettamente di essere diventata lei stessa una diva. La figlia di Johnny Depp e Vanessa Paradis ha incantato la platea alla Mostra del cinema di Venezia 2016. Nemmeno il fatto di sfilare accanto a un mostro sacro quale Natalie Portman è riuscito a scalfire la sua ascesa, il suo incedere maestosa di fornte ai fotografi assiepati a pochi metri che continuavano a gridare il suo nome.

Appena 17enne, Lily Rose è abituata a stare sotto le luci dei riflettori fin da quando era solo una bambina. Figlia di una delle ex coppie più glamour di Hollywood, è diventata un’icona di stile prima di fare il suo debutto sul grande schermo. A Venezia ha presentato il film Planetarium di cui è co-protagonista insieme a Natalie Portman. Si tratta della prima vera sfida di rilievo per la figlia di Depp che, fino a oggi, ha principalmente curato la sua carriera di modella.

Vestita con un abito che ne esaltava la figura, Lily Rose ha fatto in modo di calamitare su di sé l’attenzione generale e sono pochissimi i sorrisi che ha riservato alla platea, un atteggiamento che ha imparato dalle dive più grandi. Perfino la sua magrezza, giudicata eccessiva sul web, ha finito per passare in secondo piano di fronte alla consapevolezza di sé dimostrata indipendentemente dal fatto di trovarsi tra i divi più ammirati al mondo a soli 17 anni.

La carriera Lily Rose Depp.

Forse è proprio il fatto di essere diventata famosa da giovanissima ad aver insegnato a Lily Rose qual è il modo giusto di muoversi su un red carpet. Da anni è abituata a far fronte alle critiche che le vengono rivolte, molte delle quali riguardano soprattutto la magrezza del suo corpo. Già modella affermata, si è trovata costretta a gestire il biasimo di chi non ha mai visto di buon occhio il fatto che abbia cominciato a sfilare da giovanissima. Sono stati i suoi genitori a rispondere al suo posto in più di un’occasione, gli stessi che hanno lasciato a Lily Rose la possibilità di esprimersi in qualunque ambito professionale desiderasse, nonostante la giovanissima età.

La figlia di Depp rivendica la sua libertà in campo lavorativo, ma nemmeno nel privato teme il peso dei giudizi. Lo ha dimostrato quando ha raccontato di essere bisessuale, fornendo ai media una notizia che ha fatto rapidamente il giro del mondo ma che non è riuscita a scalfire in alcun modo la fama di questa giovane figlia d’arte che, più di ogni altra cosa, ha ben chiaro nella mente qual è il percorso da seguire e non è disposta a lasciarsi distogliere.