Marco Mengoni ha rilasciato una lunga intervista al settimanale ‘Grazia'. Il cantante ha parlato della sensazione che prova quando abbandona il palco e torna tra le quattro mura domestiche. Non sempre è facile per lui fare i conti con la quotidianità, ma nel tempo ha imparato ad apprezzarla

"Questo lavoro ti fa vivere a mille. Sul palco c’è un’energia pazzesca che penetra dentro. Poi quando torni a casa tutto sembra più piccolo e rischi di sminuire la quotidianità. Invece devi razionalizzare, chiederti: ‘Da che parte voglio stare?'. Pian piano capisci che vivi in due mondi diversi e anche la vita ‘normale' emoziona".

La sua vita privata, però, è ricca di amici: "Sono il confessore di tutti i miei amici: mi chiedono consigli. Li ascolto, perché ho fame di esperienze, parole, racconti. So che, prestando attenzione agli altri, aiuto anche me stesso".

Marco Mengoni: "Non parlo della mia vita privata, alcune persone non hanno la sensibilità per capire"

Marco Mengoni ha colto l'occasione per esprimere la sua visione dell'amore: "Innamorarsi è bellissimo, ma la parte più interessante di un rapporto è quando finisce: c’è l’angoscia, ma anche l’inizio di un nuovo te, una rinascita. Perché, dopo il naufragio di un amore, sei più consapevole, hai imparato molto di te". Infine, ha spiegato perché preferisce non parlare della sua vita privata e delle sue fragilità

"Se mi chiede perché in una canzone parlo di una mia sofferenza, rispondo perché riguarda il mio essere musicista. Non m’inoltro, però, nelle mie vicissitudini personali. Sono un ragazzo che crede negli esseri umani, ma so che alcuni non hanno abbastanza sensibilità per capire. La vita privata ce l’ho, ma fa parte di me".