È stato finalmente dimesso Noah, figlio di Michael Bublè. Il piccolo, ricoverato nel novembre scorso a causa di un tumore, è guarito e ha potuto lasciare l’ospedale americano all’interno del quale era stato ricoverato. A raccontarlo è Dario, il fratello di Luisana Lopilato. Si tratta di una notizia per la quale i fan di Bublè, e non solo, hanno pregato per mesi.

Erano stati i genitori di Noah ad annunciare che avrebbero preso una lunga pausa dalle rispettive carriere per stare vicini al piccolo, ammalatosi improvvisamente di cancro. Quella notizia così simile a una condanna gettò nello sconforto la famiglia del piccolo che ha lasciato l’argentina per trasferirsi a Los Angeles, località in cui Noah è stato ricoverato. A distanza di quasi 5 mesi da quel momento, il piccolo è finalmente riuscito a sconfiggere il tumore contro il quale ha lottato come un piccolo guerriero.

Noah Bublè si era ammalato di cancro.

Le intere famiglia Bublè e Lopilato sono state vicine a Noah. Natale e Capodanno 2016 sono stati festeggiati in America, proprio per fare in modo che il piccolo avesse la grande festa che sperava di vivere insieme alle persone che a lui sono più care.

A quanto si apprende, Bublè e la sua famiglia avrebbero già fatto rientro a Buenos Aires, località in cui vivono e che avevano lasciato per fare in modo che Noah ricevesse le migliori cure possibili in America. Già nel corso dei mesi, le indiscrezioni circolate in rete avevano fatto sperare in un miglioramento clinico del piccolo. Noah ha risposto positivamente alle cure praticategli dai sanitari, riuscendo a ristabilirsi in breve tempo. “Sta meglio” dichiararono i familiari dell’artista e sua moglie alla stampa qualche settimana fa. Quella notizia è ormai una certezza e il piccolo potrà lentamente fare ritorno a tutte quelle attività che a un bambino così piccolo non dovrebbero mai essere precluse.