Erano anni che ormai la politica scimmiottava sempre più le logiche da televoto di un reality show. Ora che Patrick Ray Pugliese, protagonista di ben due edizioni del Grande Fratello, "scende" anche lui in politica, quella che era solo una critica al mondo istituzionale è diventato realtà. Il partito con il quale ha scelto di candidarsi è quello del Grande Sud, che sta cavalcando l'onda mediatica da un bel po' di giorni (è lo stesso  di Salvatore Ronghi che ha attaccato la fiction Il Clan dei Camorristi). Sul suo social network ha voluto spiegare i motivi della sua candidatura

Sono stato una star della tv e ora scendo in campo per porre fine agli scempi che ho visto venendo a contatto con le moltissime persone che ho avuto modo di conoscere in giro per l'Italia. Ho una conoscenza capillare del territorio, conosco i suoi problemi e il disappunto per l'ultimo anno e mezzo di politica. Per questo entro in campo, per cercare di dire la mia su questa situazione difficile che sta vivendo il Paese.

"Non ho fatto solo il GF". Ad avvalorare la sua tesi, aggiunge Patrick, ci sarebbe il suo passato da giornalista e le sue comparsate con Le iene e Striscia La Notizia dove "ho maturato una sensibilità per le inchieste ed i temi più scottanti". Totò direbbe: "Ma mi faccia il piacere". Dovevano essere elezioni all'insegna del buonsenso e della serietà, sembra però che non sia cambiato nulla nemmeno quest'anno.