Ruben Invernizzi ha terminato la sua relazione con la fidanzata Francesca Baroni e omaggiato, così, l'amor proprio di una speranza. Il pubblico di Temptation Island 2017 si augurava da mesi di assistere a un atto di ribellione liberatorio, stanco di ascoltare le continue lamentele ‘snob' della ragazza. ‘Voglio una vita top‘ potrebbe rappresentare un rapido bignami di ciò che Francesca avrebbe voluto dal flemmatico Ruben, dedito alla sua storia a tal punto da accondiscendere a qualsiasi desiderio (o apparente vessazione) della sua dolce metà.

Un effetto zerbino che ha iniziato ad angosciare i milioni di persone che hanno assistito, in queste ultime settimane, ai loro falò. Lei che rivendicava filmati che non arrivavano mai, al grido di ‘pollo' o ‘sfigato', mentre lui si trincerava allibito dietro un laconico ‘questa ragazza non ha capito niente di me‘. Un teatrino mortificante, che più di tutto ha iniziato restituire con vigore l'aura da zerbino sul volto depresso del povero Ruben, immune ai raggi del sole ma non agli attacchi della sua fidanzata.

La ribellione scatenatasi durante il falò finale ha donato speranza. Una speranza quasi dovuta. Lo sguardo vitreo e l'atteggiamento scostante, la decisone ferma di farla finita e di ricominciare una nuova vita, la verbalizzazione lapidaria racchiusa nel ‘Sei insicura, sei infelice, sono io che non ti voglio più‘ hanno scatenato un tifo da stadio, che ha invertito all'improvviso la rotta. Da vittima a consapevole, perché di carnefici in una storia d'amore non si dovrebbe mai sentir parlare. Ed è così che l'amor proprio si fece largo, trovò il suo posto e sedò la frustrazione che fino a quel momento era stata obnubilata dall'amore. Oltre a sedare la rabbia del pubblico voyeuristico e impotente.