Una delle coppie storiche del mondo dello spettacolo italiano si spacca, dopo quasi un decennio passato dal loro matrimonio, apice di una relazione che andava avanti già da diverso tempo. Si tratta di Federica Panicucci, volto noto della tv italiana, conduttrice di Mattino Cinque, ma volto di riferimento della tv di Italia 1 negli anni '90 e non solo con i suoi capelli lunghissimi capaci di fare tendenza al tempo; dall'altra parte Mario fargetta, noto produttore discografico e dj tra i più noti nel panorama mainstream italiano. I due annunciano la fine di una storia con una separazione che pare assolutamente conciliata tra le due parti e decisa senza irruenza, liti o incomprensioni, ma anzi dettata da un'unione di intenti dettata dall'esigenza di serenità, soprattutto in famiglia, soprattutto per la presenza dei figli.

Non si conoscono le motivazioni precise della spaccatura, anche perché probabilmente, dopo tanti anni, possono risultare fumose per i componenti stessi della coppia. Forse avrà influito quell'ansia di fondo che la Panicucci si è sempre attribuita e che, in un'intervista di qualche tempo fa, precisava Fargetta le facesse notare costantemente, ma nella nota resa pubblica pochi minuti fa dalle agenzie di stampa i due annunciano la separazione "con immenso dispiacere ma con la serenità che deriva dall'aver ponderato insieme la decisione e dalla consapevolezza di un legame di affetto, stima e rispetto che rimane saldo, anche in nome dei figli". A pronunciare queste pariole l'avvocato di Federica Panicucci Giulia Bongiorno, che ha anche aggiunto alcuni altri particolari tesi a precisare come tra le due parti non ci sia stata una particolare ostilità, ma solo la  consapevolezza di essere giunti al capolinea di una relazione che gli aveva dato tutto. O meglio, il bene dei figli è la sola cosa che i due abbiano inteso sottolineare nell'annuncio ufficiale della loro separazione

Anche se non saranno più moglie e marito resteranno sempre e comunque genitori e faranno del loro meglio per crescere i figli in un clima di affettuosa condivisione». «Questo è l'unico commento con il quale desiderano accompagnare la notizia certi di poter contare sul rispetto della loro privacy e, soprattutto, di quella dei figli.