I soldi raccolti dalle donazioni per il matrimonio di Chiara Ferragni e Fedez (all'anagrafe, Federico Lucia) sono andati a una splendida ragazza di Settimo Torinese di nome Ramona. Sono andati a farle visita prima del Natale e hanno condiviso, attraverso il suo viso radioso, un appello al Paese, perché si sostengano diversamente i giovani colpiti da una disabilità invalidante.

Il racconto coinvolgente di Fedez

Ramona ha un cancro molto raro, che l'ha costretta ad amputare una gamba nel 2015 e a stare immobile per quasi un anno. È con queste parole che Fedez ha raccontato la sua storia, mostrandosi colpito dalla solarità della ragazza, che non ha mai rinunciato alla vita, nonostante quest'ultima l'abbia messa a dura prova:

Oggi siamo andati a trovare Ramona, una ragazza incredibile che in poche ore è riuscita a trasmettermi una positività e un’energia che poche volte mi è capitato di provare. Ramona, a causa di un tumore molto raro, è stata costretta all’amputazione della gamba sinistra dopo 7 mesi di immobilità a letto, ciò nonostante riesce a raccontare tutto con un sorriso e una forza che mi hanno sinceramente spiazzato. Grazie alla raccolta fondi che abbiamo deciso di fare in occasione del nostro matrimonio potremo prendere una protesi elettronica a Ramona che dopo anni potrà tornare a camminare. Apro una piccola parentesi, ad oggi il nomenclatore del tariffario per i disabili è rimasto fermo al 1999, questo fa sì che le ASL passino delle protesi che a tutti gli effetti non permettono a persone che hanno subito amputazioni di camminare. Spero che presto questa situazione possa cambiare perché queste protesi elettroniche hanno costi che non tutte le famiglie possono sopportare ed è giusto restituire a queste persone la dignità che sono conquistate con così tanta forza di volontà.

Oggi siamo andati a trovare Ramona, una ragazza incredibile che in poche ore è riuscita a trasmettermi una positività e un’energia che poche volte mi è capitato di provare. Ramona a causa di un tumore molto raro è stata costretta all’amputazione della gamba sinistra dopo 7 mesi di immobilità a letto, ciò nonostante riesce a raccontare tutto con un sorriso ed una forza che mi hanno sinceramente spiazzato. Grazie alla raccolta fondi che abbiamo deciso di fare in occasione del nostro matrimonio potremo prendere una protesi elettronica a Ramona che dopo anni potrà tornare a camminare. Apro una piccola parentesi, ad oggi il nomenclatore del tariffario per i disabili è rimasto fermo al 1999 questo fa sì che le ASL passino delle protesi che a tutti gli effetti non permettono a persone che hanno subito amputazioni di camminare. Spero che presto questa situazione possa cambiare perché queste protesi elettroniche hanno dei costi che non tutte le famiglie possono sopportare ed è giusto restituire a queste persone la dignità che si sono conquistate con così tanta forza di volontà! ❤️

A post shared by Fedez (@fedez) on

Il messaggio e l'appello di Chiara Ferragni

A Fedez, si è aggiunta sua moglie Chiara Ferragni, che ha sostenuto la decisione di aiutare Ramona nel recupero della sua autonomia motoria e ha lanciato un appello al Paese, perché le autorità si attivino in modo più concreto nel rendere queste protesi innovative e particolarmente efficienti alla portata di tutti:

Oggi abbiamo incontrato per la prima volta Ramona: lei è la persona che abbiamo deciso di aiutare con le donazioni del nostro matrimonio. Nel 2015, le è stata diagnosticata una forma rara di cancro che l’hanno costretta all’amputazione di una gamba. Abbiamo deciso di aiutare lei per darle una gamba artificiale con un ginocchio elettronico che potrà renderla di nuovo autonoma. Nel nostro Paese poche sono le persone che possono permettersi la possibilità di comprare modelli di gambe artificiali così moderni. Non vediamo l’ora di vederla camminare di nuovo.