Grave lutto per Elena Santarelli. Suo zio Vittorio si è tolto la vita gettandosi dall'ottavo piano di un palazzo di Latina. La notizia del suicidio era stata diffusa nelle scorse ore da alcune testate locali e i motivi del gesto apparivano inizialmente inspiegabili.

A dare una motivazione all'accaduto è stata proprio Elena Santarelli, che attraverso Instagram ha spiegato il perché del gesto: l'uomo aveva appreso di recente di essere affetto da un brutto male. La showgirl lo ha voluto salutare pubblicando il testo dell'ultima lettera scritta dall'uomo, dalla quale emerge chiaramente come la notizia della malattia gli avesse tolto ogni forza per andare avanti. Elena Santarelli ha riportato per intero il testo della lettera, accompagnandola con un suo pensiero di affetto e comprensione nei confronti del gesto compiuto da suo zio, che insieme a sua moglie si occupava di accudire ed assistere la figlia, affetta dalla sindrome di Prader Willi. Scoprendo di essere malato, l'uomo avrebbe deciso di farla finita, stando almeno a quanto si legge dalla sua lettera. "Chiedo ai politici di fare di più per le ‘famiglie con handicap' ", c'è scritto nella lettera, un evidente appello alle istituzioni affinché non lascino soli i familiari di persone disabili o con gravi problemi di salute.

Ecco riportato per intero il messaggio di Elena Santarelli.

Questa è la lettera che mio zio Vittorio ha lasciato a mia zia Clara (sorella di mia madre) ieri mattina sul tavolo prima di togliersi la vita dall’ottavo piano di un palazzo a Latina. Mio zio aveva una figlia (Daniela) con la sindrome rara di prader willi ,da 37 anni era l’ombra di sua figlia Daniela ,era insieme a mia zia un vero e proprio “care giver “dedicando tutte le sue energie alla figlia malata , e come tutti i care giver ci si sente lasciati soli ( non dalla famiglia ). Pochi gg fa aveva scoperto di essere affetto da una malattia ,questo è il secondo mostro di cui parla .
Questo gesto che ha compiuto può essere giudicato come atto di vigliaccheria ma non è così ,un gesto chiaro di un ultimo sacrificio verso la famiglia e verso tutte le famiglie che vivono questa condizione .zio Vittorio era una bella e brava persona che aiutava tutti con il sorriso sulle labbra e vorrei che tutti lo ricordassero per tutto quello che ha fatto prima di compiere qs gesto estremo. Zio voleva che si parlasse della prader willi e questo è’ il mio contributo al tuo volere zio Vito.ti vogliamo tutti bene zio ,hai lasciato un grande vuoto .il repost e’ gradito . #caregiver#ciaozioVito #tivogliamobene . Ci prenderemo tutti cura della tua famiglia ,
Con affetto , tua nipote Elena

“La Prader willi mi ha consumato,distrutto senza forze,ora sento già il secondo mostro che si è impossessato di me.chiedo scusa alla mia famiglia (tutta) ma non ho la forza per affrontarlo Mario prendi il comando e già so che lo farai ,ciao ,grazie Dani ciao Vale scusa ,Lalla scusa ciao . Tommi Vittoria nonno va sulla “luna “ciao bambini,ciao studiate . Ciao a tutti quelli a cui ho voluto bene ,amici cari. CHIEDO AI POLITICI DI FARE DI PIÙ PER LE FAMIGLIE CON “PERSONE CON HANDICAP” Vittorio Bonaldo . Fai qualcosa sui giornali , ciao Vito . Questa è la lettera che mio zio Vittorio ha lasciato a mia zia Clara (sorella di mia madre) ieri mattina sul tavolo prima di togliersi la vita dall’ottavo piano di un palazzo a Latina. Mio zio aveva una figlia (Daniela ) con la sindrome rara di prader willi ,da 37 anni era l’ombra di sua figlia Daniela ,era insieme a mia zia un vero e proprio “care giver “dedicando tutte le sue energie alla figlia malata , e come tutti i care giver ci si sente lasciati soli ( non dalla famiglia ). Pochi gg fa aveva scoperto di essere affetto da una malattia ,questo è il secondo mostro di cui parla . Questo gesto che ha compiuto può essere giudicato come atto di vigliaccheria ma non è così ,un gesto chiaro di un ultimo sacrificio verso la famiglia e verso tutte le famiglie che vivono questa condizione .zio Vittorio era una bella e brava persona che aiutava tutti con il sorriso sulle labbra e vorrei che tutti lo ricordassero per tutto quello che ha fatto prima di compiere qs gesto estremo. Zio voleva che si parlasse della prader willi e questo è’ il mio contributo al tuo volere zio Vito.ti vogliamo tutti bene zio ,hai lasciato un grande vuoto .il repost e’ gradito . #caregiver #ciaozioVito #tivogliamobene . Ci prenderemo tutti cura della tua famiglia , Con affetto , tua nipote Elena . www.praderwilli.it

A post shared by Elenasantarelli (@elenasantarelli) on

La figlia dell'uomo è affetta da sindrome di Prader Willi

Elena Santarelli descrive i suoi zii come dei "care giver", parlando della malattia da cui è affetta la cugina. Il suo intento è quello di fare divulgazione rispetto a una sindrome poco nota, quella di Prader Willi, che colpisce in media una persona ogni 25mila. Si tratta di una malattia genetica caratterizzata da varie anomalie. Se nella fase infantile comporta grossi rischi di obesità patologica, in età adulta può portare a difficoltà di apprendimento e disturbi comportamentali, oltre che a gravi problemi psichici.