Michelle Hunziker è tornata a parlare del suo passato fatto di luci ma anche di tante ombre. In una intervista realizzata per Tv2000, nello spazio chiamato "Ave Maria", la conduttrice di "Striscia la Notizia" ha svelato le parti più oscure del suo passato: "Guardarsi indietro, spesso fa male, ma è necessario per salvarsi la vita". 

I problemi con il padre

Michelle Hunziker ha avuto una infanzia molto dura. I genitori si sono separati, il padre non è mai stato affidabile a causa dei problemi con l'alcol: "Mia madre mi diceva: ‘Tuo padre non ce la fa, è alcolizzato". 

Io a un certo punto mi sono resa conto che nonostante sentissi veramente l'amore di mio padre quando era sobrio, quando invece beveva spaccava tutto. Poi quando i miei genitori si sono separati, aspettavo che mio padre mi venisse a prendere; lui mi dava appuntamento ma poiché l'alcol purtroppo ti annebbia tutto, si dimenticava. Allora io stavo ore e ore con lo zaino ad aspettare che tornasse papà, e lo difendevo contro tutti. Mia mamma mi diceva: Tuo padre non ce la fa, è alcolizzato. Io non lo volevo ammettere e mi sono sempre più arrabbiata con lui, perché pensavo che lui amasse l'alcol più di me. […] Un uomo meraviglioso, un'anima stupenda; però nel momento in cui iniziava a bere cambiava carattere e diventava aggressivo.

La fuga verso l'Italia e l'amore con Eros

In questo scenario, Michelle Hunziker non aspetta altro che diventare maggiorenne per lasciare la Svizzera e correre verso l'Italia. È nel 1995 che la sua vita cambia radicalmente grazie a Eros Ramazzotti, conosciuto a un concerto nel 1995.

È stato incredibile, improvvisamente si è aperto il capitolo di una favola. Abbiamo cercato un bambino presto e per me la maternità è stata veramente importantissima, è stato un regalo di Dio incredibile perché è grazie a questa bambina che ho iniziato a pormi delle domande che mi hanno anche salvato più avanti nella mia esistenza. Bisogna essere anche un po' folli e dare priorità alla famiglia e ai bambini, perché grazie a loro tu puoi diventare qualcuno, puoi cambiare la tua personalità. Non sei più tu il centro di tutto e automaticamente fai meglio le cose, quindi eccelli.

La crisi, ostaggio di una setta

Ed è a questo punto che arriva un altro punto oscuro della vita di Michelle Hunziker già affrontato in diverse interviste del passato. È ancora giovane, Michelle si scopre fragile, inizia a perdere i capelli e a frequentare una serie di professionisti per trovare una cura.

Ed ecco che arriva una donna, anche fisicamente molto bella, molto accogliente, piccolina, profumava di buono, era bionda, sempre sorridente; quella è stata la vera trappola perché vedo una che è sempre gioiosa, che mi abbraccia, che mi coccola e mi accoglie con tutti i miei problemi. Tra l'altro è stato proprio il mio ex marito a farmela conoscere; pensa il destino, che roba. Loro cosa fanno? È come se ti abbracciassero, ti dessero questo amore totale e poi quando tu sei già bello cotto, quando sei convinto che sei l'eletto d'amore, loro iniziano a parlarti di Dio, a dirti che questo è un cammino spirituale, che tu sei una persona speciale. E lì ti hanno incastrato e iniziano a esercitare il controllo su di te.

La figlia Aurora ha salvato Michelle

Ma qual è stato il momento in cui Michelle Hunziker è riuscita a dire basta? Quando Aurora Ramazzotti, sua figlia, le dice: "Mamma, io voglio ritrovare la mia mamma bionda e sorridente". È stata lei a risvegliarla dal sonno:

Siamo in simbiosi, Aurora e io; quindi il giorno che mi ha detto così mi ha davvero mandato un segnale di una potenza incredibile.

Da quel momento Michelle Hunziker ha allontanato la setta, ha spezzato quel legame velenoso e ne ha iniziato un altro bellissimo, quello con Tomaso Trussardi, da cui ha avuto altre due figlie.