Mitch, il padre di Amy Winehouse, ha dichiarato che strani avvenimenti gli sarebbero capitati di recente e, a suo dire, grazie a sua figlia scomparsa. La cantante è morta sei anni fa a causa di un mix letale di alcol, all'età di soli 27 anni, e Mitch ha confessato di vedere spesso il suo fantasma sedere ai piedi del letto nella sua casa nel Kent: "Lei torna ogni volta, non fisicamente ma spiritualmente. Il suo spirito arriva e si siede all'estremità del mio letto. Si siede e sembra proprio come lei, con il suo bel viso che mi guarda".

Amy e il merlo tatuato sul braccio

Pur ammettendo che la presenza di Amy lo rende nervoso, Mitch ha aggiunto che la vede sempre star bene e inoltre che crede abbia fatto visita a lui e sua moglie Jane sotto forma di un merlo, come quello che aveva tatuato sul suo braccio. Stando alle parole del Winehouse Senior, lui si trovava nella casa di sua sorella solo una settimana dopo la morte di sua figlia, quando l'uccello volò in un bicchiere generando un tonfo. Poi, quando è andato a prenderlo e ad appoggiarlo su un trespolo, ha detto che la creatura è volata di nuovo verso di lui e si è seduta sul suo piede: "È venuto di nuovo in mezzo a noi e ha iniziato a cantare. Ci sono diverse cose come queste che mi accadono e che non riesco a spiegare".

Il tatuaggio di Amy Winehouse
in foto: Il tatuaggio di Amy Winehouse

Un musical per ricordare Amy

Nell'ultimo periodo, Mitch ha anche rivelato che lo straordinario successo e il terribile crollo di sua figlia saranno raccontati in un musical. Il musical sulla vita di Amy sarà caratterizzato dalla presenza dei suoi più grandi successi, come Rehab e Tears Dry On Their Own: "Un musical che celebrerà la sua vita e la sua musica arriverà prossimamente. È qualcosa che ho desiderato molto accadesse e sono felice che il progetto stia andando avanti. Vogliamo fare qualcosa che ricordi Amy per ciò che era, qualcosa che andava ben oltre l'alcol e le droghe. Vogliamo fare qualcosa di positivo riguardo il modo in cui lei sviluppò la sua musica. Ciò che non è stato mai compreso è che Amy non aveva fatto uso di droghe per tre anni quando è morta".

Quando Jay-Z e Beyoncé cercarono di salvarla

Intanto le più grandi star del panorama musicale internazionale, nel corso di questi anni, hanno puntualmente ricordato Amy Winehouse. Jay-Z , ad esempio, ha rivelato che lui e Beyoncé hanno provato a salvarla prima della sua tragica morte nel 2011. L'avevano incontrata per la prima volta nel 2007 in un pub di New York, lo Spotted Pig, dove l'hanno implorata di andare a stare con loro: "Lei ci stava dicendo che volevano mandarla in rehab e che non voleva. Noi le rispondevamo che doveva, invece.  Amy si era esibita al Joe's Pub di New York ed eravamo allarmati quando ha iniziato a balbettare dopo essere uscita dal palco". La coppia ha poi lavorato al remix di Rehab l'anno successivo, proprio perché Jay-Z ha sempre creduto nel suo enorme talento: "Quando ascoltato Amy" ha dichiarato "credevo davvero che il suo cuore e la sua anima fossero nella musica".