Era il lontano 2008 e sul palco dell'Ariston una giovane Anna Tatangelo per la quinta volta fu una delle protagoniste assolute del Festival di Sanremo con il brano "Il mio amico" dedicato ad una persona omosessuale a lei molto vicina. Un'edizione ricordata soprattutto per un gesto "d'amore" della cantante di Sora che sollevò non poche polemiche.

La follia d'amore di Anna Tantangelo

Anna Tatangelo alla cinquantottesima edizione del Festival di Sanremo salì sul podio classificandosi seconda. La cantante era ufficialmente uscita allo scoperto con Gigi D'Alessio e, dopo le infinite polemiche e critiche sollevate sulla loro relazione, con coraggio ed audacia in diretta dall'Ariston ritirò il premio sussurrando: "Vorrei dire Gigi ti amo, è la prima volta che lo dico in televisione”. Il gesto d'amore però, non venne particolarmente apprezzato dal pubblico in sala, che con immediatezza iniziò a fischiarla. Una contestazione che però non la scalfì minimamente:

Dopo quello che ho passato negli ultimi anni per difendere la mia storia, ho la spalle così larghe che devo per forza sorridere per come sia andata.

Le critiche dell'ex moglie di Gigi D'Alessio

L'audacia della cantante diede vita ad un vero e proprio polverone mediatico. A muovere forti critiche non fu solo il pubblico. Anche l'ex moglie di Gigi D'Alessio non fu particolarmente clemente con la giovane. In un'intervista rilasciata a Novella 2000 Carmela Barbato dichiarò: "Non se la poteva risparmiare quella frase? Non poteva prendere il premio e stare zitta?.

Il pentimento di Anna Tatangelo

Col senno di poi Anna Tatangelo si è dichiarata pentita per quella ingenua dichiarazione d'amore fatta in diretta tv. Un"errore" di gioventù che si rimprovera, come ha lei stessa commentato in un'intervista:

Certe cose me le sono andate a cercare, lì per lì, quando dissi "Gigi ti amo", volevo sprofondare. Avevo 20 anni e a quell'età a certe cose non ci pensi. Sei talmente spontanea e innamorata, che al momento non trovi assolutamente strana. Al tempo non mi veniva perdonato e io ne soffrivo, ma poi ho imparato ad accettarlo. Prima ero molto insicura e la mia insicurezza veniva letta come un distacco, invece era un modo per difendermi. I social mi hanno aiutato, perché molti hanno capito che al di là del tacco e del trucco, sono una mamma.