Una Elisabetta Canalis sulle barricate, quella che scrive alla rivista Vogue tramite una note dell'associazione animalista Peta, per spendersi in favore della tutela degli animali e l'abbandono delle pellicce naturali. La showgirl è stata sempre molto sensibile all'argomento e qusta volta a ha deciso di mettersi a nudo, ammonendo proprio la nota rivista che, a dispetto di molti altri giganti del mondo della moda non ha ancora abbandonato del tutto le pellicce animali. Ecco il suo messaggio

Ogni giacca in pelliccia o taglio di pelliccia sono stati presi da un essere vivente terrorizzato che è stato catturato in natura o che ha vissuto una vita di miserie rinchiuso in una spoglia gabbia di metallo prima di essere affogato, folgorato, avvelenato o spellato vivo. Io, così come tanti dei vostri lettori, desidero vedere Vogue muovere un passo verso un futuro compassionevole per la moda, impegnandosi a non promuovere la pelliccia sulle sue pagine. Mentre riviste di punta come Vogue GB ed Elle hanno mostrato la loro compassione da lungo tempo tramite politiche contro le pellicce e la maggior parte degli stilisti all'avanguardia, incluso l'86% di quelli che hanno sfilato alla settimana della moda autunno/inverno 2016 a Londra, non usino pelliccia, Vogue deve ancora seguire l'esempio. Le denunce di Peta di allevamenti di pelliccia in paesi cosiddetti di ‘Origine Assicuratà rivelano che gli animali trascorrono la loro vita in gabbie di metallo sovrappopolate e sudice prima di essere folgorati, soffocati col gas o avvelenati. In natura, gli animali catturati in trappole a ganasce d'acciaio possono patire per giorni per la perdita di sangue, disidratazione e attacchi di predatori prima di venire soffocati o uccisi a randellate. Molti stilisti che compaiono regolarmente su Vogue, inclusi Giorgio Armani, Stella McCartney, Vivienne Westwood e tanti altri, hanno abbandonato la pelliccia al 100 per cento