È irriconoscibile Giovanni Ciacci nella foto pubblicata questa mattina su Instagram. Lo scatto lo vede posare accanto ad Alba Parietti nel 1994, a Porto Cervo, in Sardegna. Ciacci, che oggi vanta un’immagine singolare e riconoscibile, per merito anche della barba blu, ha i capelli lunghi, un po’ di barba ben curata sul viso – e in questo è rimasto uguale – e gli occhi ridenti che guardano verso l’obiettivo. Sarebbe stato complesso indovinare si trattasse proprio di lui se non fosse stato lo stesso Ciacci a dirlo.

#remember 1994 Porto Cervo @albaparietti #love #smile #photo #italy …

A post shared by Giovanni Ciacci (@giovanniciacci) on

I commenti alla foto di Ciacci

Non ci credo sia davvero tu!” scrivono qualche utente su Instagram tra i commenti alla foto postata in rete da Ciacci. In effetti, la differenza tra le due versioni del popolare uomo di spettacolo è evidente. Qualcuno si spinge oltre e, poco cautamente, arriva a dire: “Non puoi tornare com’eri prima? Con tutti i ritrovati della scienza moderna potrebbe essere possibile”, come se bastasse qualche seduta dal chirurgo per vedere sparire in un colpo 25 anni di vita.

A Ballando con le stelle nel 2019

È notizia di qualche settimana fa il ritorno di Giovanni Ciacci a Ballando con le stelle. Dopo essere stato concorrente del talent show di Rai1 condotto da Milly Carlucci, l’uomo ha trovato una collocazione tutta nuova nello show. A confermarlo sulle pagine di Oggi fu proprio la padrona di casa: “Le confermo che Giovanni Ciacci sarà uno dei protagonisti della prossima edizione di Ballando con le Stelle, avrà un ruolo inedito cucito su misura per lui. Giovanni, lo scorso anno, ballando con Raimondo Todaro ha sdoganato molti tabù. Con i loro tanghi, le loro rumbe e la loro sintonia espressa attraverso la rappresentazione artistica hanno contribuito a far cadere tanti luoghi comuni. Ha dato alla signora Maria, simbolo del pubblico tradizionalista di Rai Uno, la possibilità di considerare il ballo tra due uomini una cosa normale, ha vissuto la naturalità della cosiddetta diversità”.