3 Settembre 2015
10:02

Amadeus: “Il mio successo? Perché sono ansioso, prudente e ipocondriaco”

“Reazione a catena”, il programma che ha fatto compagnia agli spettatori di Rai Uno per tutta l’estate, è stato un grande successo. Il segreto di Amadeus? Lo ha svelato in un’intervista al settimanale Oggi.
A cura di G.D.

È tornato in tv e lo ha fatto alla grande, lo storico conduttore Amadeus ha festeggiato il superamento dei 50 anni ritornando sulla cresta dell'onda. "Reazione a catena", il programma che ha fatto compagnia agli spettatori di Rai Uno per tutta l'estate, è stato un grande successo ed il 20 settembre si prepara ad un gran finale speciale ed in prima serata. Ma non finisce qui, perché dal prossimo 4 settembre sarà alla guida di "Stasera tutto è possibile", altro show in prima serata su Rai Uno. Il settimanale Oggi gli ha dedicato un servizio dove, oltre a fare il punto sulle trasmissioni tv e sulla sua carriera professionale, si è lasciato andare anche a qualche pettegolezzo intimo.

Sul palco, non temo nulla. Poi, quando parte la sigla di chiusura, torno quello di prima: tranquillo, ansioso, prudente, timoroso. Odio la velocità, evito i pericoli, non sono per nulla avventuroso e sono persino ipocondriaco. Se in treno uno starnutisce cambio posto e mi faccio la doccia con l’amuchina!

Tornando alla sua carriera professionale, Amadeus racconta i primi passi a Radio Deejay, preso da Claudio Cecchetto con l'inganno perché lui gli raccontò di fare il doppiatore e di abitare a Milano.

Per entrare a Radio Deejay mentii spudoratamente. All’epoca vivevo a Verona e lavoravo in una radio locale. A Claudio raccontai di fare il doppiatore e di abitare a Milano. Gli confessai la verità mesi dopo, ma non ero pentito. In Italia il lavoro è poco, e per trovarne uno i giovani devono essere pronti a combattere, anche perché i posti migliori sono già assegnati ai raccomandati.

Per il conduttore ravennate, l'Italia ha un problema molto grande che è quello della meritocrazia, per questo sta cercando di convincere la figlia Alice a lasciare la nazione per trasferirsi all'estero

L’Italia non è un paese meritocratico. Le cose stanno migliorando, ma troppo lentamente. Se la colpa è degli italiani? No, la colpa è delle istituzioni ingessate.

Gli Aqua tornano in tv a 25 anni da Barbie Girl: così Amadeus ha reinventato il Festivalbar
Gli Aqua tornano in tv a 25 anni da Barbie Girl: così Amadeus ha reinventato il Festivalbar
Amadeus:
Amadeus: "Natale è stare con Giovanna e i miei figli, l'amore è dove ci sono loro"
Gaffe di Amadeus a
Gaffe di Amadeus a "Reazione a catena": chiama le concorrenti "Si La Do"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni