È passato poco più di un anno da quando Ambra Angiolini e Massimiliano Allegri furono immortalati per la prima volta insieme. Da allora tante le copertine dedicate alla coppia, le voci di corridoio e gli scatti rubati su una relazione che ha sorpreso non poco, vista l'insolita e inattesa composizione del binomio. Eppure sono state pochissime le parole spese dai due protagonisti in merito. Ambra Angiolini, che in passato si è anche rifiutata di rispondere a domande nel merito, ha invece deciso di rompere il silenzio su suo rapporto con l'allenatore della Juventus, i benefici che ha avuto sulla sua persona e soprattutto i sentimenti che hanno caratterizzato la fine della sua storia d'amore con Francesco Renga. In un'intervista rilasciata a Vanity Fair ha descritto così quei mesi:

Quando finisce una storia hai sempre due possibilità: continuare a bombardare oppure dire “no, non è questo che ci meritiamo”. Due anni fa il cuore ha smesso di battere per una persona gigantesca (Allegri, ndr) e poi è stato rianimato da un altro uomo (Allegri, ndr) che lo ha fatto con una dolcezza che non si può raccontare. Quando è tramontata la storia precedente avevo bisogno di fare qualcosa per me. Ho strappato un velo e non l’ho fatto né per altruismo, né per bontà, né tantomeno come dicono in tanti facendomi incazzare, per i figli. Avevo bisogno di brillare perché se non brillo io e non sono felice non possono esserlo neanche le persone alle quali voglio bene".

La relazione con Massimiliano Allegri, svela l'attrice, è nata scrivendosi, prima di un incontro arrivato tempo dopo: "È arrivato l’unico uomo nella vita che sia stato capace di abbracciarmi senza stringermi. È arrivato quello che non stavo cercando ma che era necessario trovassi. Ed è talmente bello che non mi interessa che qualcuno capisca né che la cosa piaccia o dispiaccia. Per la prima volta mi interessa soltanto una cosa: saper che tornerà da me. Sempre".