Anita Ekberg è morta questa mattina, intorno alle 10:30. La musa di Federico Fellini era da tempo ricoverata presso la clinica San Raffaele Rocca di Papa, nei Castelli Romani, dove era costretta su una sedia a rotelle. Secondo quanto riportato da Il Corriere, l'attrice veniva seguita da una tutrice, perché non aveva parenti. In grande difficoltà economica, nel 2011 chiese aiuto alla Fondazione Fellini, tramite il commercialista romano Massimo Morais. Nella nota si leggeva:

"Un aiuto per condividere con altri benefattori la possibilità, anche modesta, di aiutare una brava attrice, veramente meritevole di ogni bene. Un piccolo presente è sempre un grande dono".

All'epoca, l'attrice era stata ricoverata. Soffriva dei postumi della rottura del femore destro, non riusciva a camminare e non era autosufficiente. Il suo desiderio era quello di tornare a casa, ma non era stato possibile realizzarlo. Mentre si stava curando, infatti, il suo appartamento era stato completamente danneggiato da un incendio. Come se non bastasse, dei ladri le avevano portato via i mobili e i gioielli. Intervistata dal Corriere della Sera dichiarò:

"Mi sento un po' sola. Ma non ho rimpianti. Ho amato, pianto, sono stata pazza di felicità. Ho vinto e ho perso. Non ho un marito, non ho figli. Nella clinica, però, le giornate sono infinite".

I due matrimoni della star de "La dolce vita"

Anita Ekberg era stata sposata due volte. In entrambi i casi, con un attore. Dal 1956 al 1959 fu la moglie di Anthony Steel. Nel 1963, invece, sposò Rik Van Nutter, con il quale divorziò nel 1975. Non ebbe figli e in alcune interviste disse che in fondo lo avrebbe desiderato. Negli anni '60 si ritrovò spesso al centro del gossip a causa dei flirt che le venivano attribuiti. Il nome dell'attrice fu accostato a quello di Gianni Agnelli, Dino Risi e Frank Sinatra. In quest'ultimo caso, nel 2010 ci fu una conferma sibillina da parte della Ekberg che, ospite de "I migliori anni" di Carlo Conti, dichiarò di aver ricevuto una proposta di matrimonio da parte dell'artista.

Il rapporto con la Svezia

Il rapporto con la sua terra d'origine non fu sempre idilliaco. Nel 2005, in un'intervista rilasciata al programma radiofonico Sommar, sostenne di non essere intenzionata a tornare in Svezia, perché non si era sentita sufficientemente apprezzata dal popolo svedese. La diva viveva in Italia, a Genzano.

L'amicizia con la moglie di Federico Fellini

Quando il regista morì, Anita Ekberg fu una delle poche celebrità a non fare mancare il sostegno alla moglie del regista, Giulietta Masina. In un'intervista riportata da Repubblica, l'attrice dichiarò:

"Quando Fellini si è ammalato io stavo sempre in contatto con la moglie. Le telefonavano per sapere come stava. Poi, quando è morto, continuavo a telefonare. Lei un giorno si confidò: ‘Sai una cosa, Anita, io ho pensato sempre male di te, perché credevo avessi una relazione con mio marito. Ma quando Federico stava male, ed era in ospedale, mi contattavano attori e attrici. Quando è morto, non mi ha chiamato più nessuno. Solo tu".