Aurora Ramazzotti gira ancora scortata da una guardia del corpo. È stata lei stessa a dichiararlo nel corso di un’intervista rilasciata a “I Lunatici” di Rai Radio2 in cui si è raccontata: dalla sicurezza all’amore per Goffredo Cerza, al rapporto mai conflittuale con la madre Michelle Hunziker. Come già reso noto in passato, Aurora continua ad avvalersi del supporto di un professionista che ne garantisce l’incolumità. “Ho una guardia del corpo, abbiamo pubblicamente annunciato di aver ricevuto delle minacce sulla base di cui abbiamo pensato di agire per non lasciare nulla al caso”. Delle minacce ricevute, la figlia di Eros e Michelle aveva già parlato in passato e la decisione di farsi proteggere l’avrebbe maturata proprio insieme ai genitori con i quali mantiene un rapporto di forte simbiosi:

Ho tanti progetti in cantiere, frequento un'accademia di arte e musica, le mie giornate sono abbastanza piene.  Il rapporto con i miei genitori? Il poliziotto buono è sempre stato papà, ma molti papà credo siano così con la figlia femmina. È stato tutto molto equilibrato, mia madre è sempre stata un generale svizzero, adesso la ironizziamo molto la cosa, mi ha dato un buon indirizzo, molto spesso ho rischiato di prendere delle strade che mi avrebbero portato a perdermi ma lei mi ha salvato dandomi un calcio nel sedere. Anche mio padre, comunque.

Il primo tatuaggio a 14 anni con mamma Michelle Hunziker

Ventidue anni e una passione mai nascosta per i tatuaggi, Aurora ha confessato di avere fatto il primo a quattordici anni insieme a mamma Michelle. Era un tatuaggio simbolico, le iniziali dei nomi di entrambi i suoi genitori: “Vorrei farne altri, la vita riserva tante cose, ognuno deve avere il proprio racconto. Il primo l'ho fatto a quattordici anni, io e mia madre eravamo in viaggio a Miami e abbiamo deciso di farci un tatuaggio insieme. L'ho convinta così a firmarmi la liberatoria per farmelo. Il primo tatuaggio è stato le iniziali dei miei genitori. L'ultimo invece è una frase di una cartolina di mio padre, che ogni volta che andava in tour mi scriveva”. Anche l’amore con Goffredo Cerza, suo compagno da tre anni, proseguirebbe bene:

Va alla grand…ine! Va benissimo anche se è lontano. Lui è di Roma ma vive a Londra, ci vediamo poco però va avanti da tre anni. Le relazioni a distanza possono durare, ma ci deve essere la voglia soprattutto all'inizio di lottare per una storia. È così difficile trovare qualcuno che ci ami e che dia un valore aggiunto alla nostra vita che non ho assolutamente intenzione di rinunciare al mio compagno ora che l'ho trovato.

Aurora Ramazzorri raccomandata, la replica

Benché sia giovanissima, Aurora ha già avuto diversi spazi in tv. “È raccomandata” hanno tuonato gli hater sui social, critiche di fronte alle quali la figlia d’arte non si scompone. Sul campo ha dimostrato quello che sa fare, manifestando una notevole propensione a stare di fronte alle telecamere senza sentirsene intimorita:

È vero che puoi essere raccomandato quanto vuoi ma se non vali niente non vai avanti, ma è anche vero che io sono e sarò per sempre riconoscente di essere nata in una famiglia così. Chiunque può essere raccomandato, nascere in una famiglia di artisti non è una raccomandazione, è un dono.

Il rapporto mai conflittuale con Michelle Hunziker

Madre ingombrante, per la bellezza, la popolarità e la verve travolgente, Michelle ha prestato particolare attenzione a non oscurare mai la figlia. Non è bastato. In diverse occasioni, le due sono state messa in competizione, addirittura a confronto in una inutile girandola di improbabili sfide di bellezza e stile. “Sono una donna e noi donne difficilmente ci valutiamo belle. Siamo molto autocritiche soprattutto se siamo esposte alle critiche del mondo. Avere una mamma bellissima? Non è una fatica se non te lo puntualizzano costantemente, almeno per come sono fatta io” spiega lei:

Io non ho mai avuto nessun tipo di competizione nei confronti di mia madre, l'ho sempre amata e considerata la donna più bella del mondo. Non mi sono mai paragonata a lei, anche se in passato qualcuno l'ha fatto.