Con una intervista onesta e sincera al New York Times, Ben Affleck mette un punto al passato parlandone e facendo mea culpa. Dal divorzio con la persona che più di tutte lo ha aiutato e gli è stato vicino, la sua ex moglie Jennifer Garner, all'ennesimo ‘restart' in carriera. "Parla per la prima volta da quando è sobrio (di nuovo) mentre sta cercando di riequilibrare la sua carriera (di nuovo)" scrive nella premessa Brooke Barnes. L'intervista è legata all'uscita negli Stati Uniti di "The Way Back", la storia di un ex giocatore di basket alcolista pronto a rimettersi in carreggiata trovando una via d'uscita proprio allenando la squadra giovaniel nella quale è stato campione a suo tempo.

Il divorzio da Jennifer Garner

Il matrimonio di Ben Affleck con Jennifer Garner, con cui ha tre figli, è finito nel 2018 dopo una lunga separazione. Al New York Times dice di sentirsi ancora in colpa ma di avere finalmente superato la vergogna per come sono andate le cose: "Il più grande rimpianto della mia vita è questo divorzio. La vergogna è davvero qualcosa di tossico. Non c'è alcuna cosa positiva nel provare vergogna. È solo una sensazione orribile e tossica di bassa autostima e disprezzo di sé". Poi continua: "Non è particolarmente salutare per me ossessionarmi sui fallimenti. Ho certamente fatto degli errori, delle cose di cui mi pento. Ma devi riprenderti, imparare da tutto, imparare ancora un po' e provare ad andare avanti". 

Ben Affleck ha lasciato Batman per curarsi

Ben Affleck a 47 anni sta continuando a lavorare duro per rimettersi in piedi. Non è facile perché gli spettatori, scrive il NYT, "in particolare le donne", non sono avvezzi a perdonare le trasgressioni. Per molti, Ben Affleck è ancora l'uomo che ha spezzato in due il cuore di Jennifer Garner: "Ho agito in modo inappropriato". E i suoi problemi con l'alcolismo gli hanno causato problemi anche a lavoro. Come quando ha letto la sceneggiatura di "The Batman", rifiutandola per non cadere di nuovo nell'alcool: "Pensai che la sceneggiatura fosse buona, ma mi dissero: ‘Berrai fino alla morte se non vorrai passare quello che hai già passato". Il riferimento è ovviamente alle pressioni subite per le critiche del suo Batman e per il flop di "Justice League".