Oltre all'indiscusso talento, Raoul Bova e Luca Argentero sono di certo due degli attori più affascinanti su cui il panorama italiano possa contare. Intervistati da "Panorama", hanno parlato di donne e di uomini che dovrebbero tornare "a fare i maschi". Il 2 ottobre li vedremo al cinema, protagonisti del film "Fratelli Unici" ed entrambi sono convinti di una cosa:

"Gli uomini sono più team, fanno branco. Le donne sono più competitive, agguerrite"

Le donne secondo Raul Bova – L'attore è certo che il ruolo dell'uomo sia quello di stare accanto alla sua donna e proteggerla con la sua forza. La donna, invece, dovrebbe prendersi cura dell'uomo. Il suo motto è:

"Lui protegge lei, lei accudisce lui".

Secondo lui, le donne di oggi dovrebbero permettere all'uomo di essere tale.

"Oggi alcune donne hanno bicipiti che ti sembra di abbracciare un uomo. Io penso che diritti e doveri siano di entrambi, poi ci sono compiti più femminili e altri più maschili. Se una donna vuole un uomo, deve permettergli di esserlo, altrimenti lui va in crisi. Lui, dal canto suo, non può delegare alla donna i propri compiti".

Tra i compiti c'è anche guidare:

"È sorprendente che in America gli uomini lascino guidare la donna al primo appuntamento. Sarò antico, ma l'uomo deve servire il vino. Lo insegno pure ai miei figli".

Capitolo depilazione? Secondo Raoul Bova, gli uomini non devono depilarsi. Il loro fascino passa attraverso la forza fisica. Le donne, invece, dovrebbero depilarsi…ovunque.

Le donne secondo Luca Argentero – L'attore ha detto di trovarsi spesso a discutere con le donne che vorrebbero pagare metà del conto al ristorante. Anche lui, come Raoul Bova, ha dichiarato di trovarsi a disagio con molte donne che incontra. Quando si parla di cura del corpo, Luca Argentero dice di trovare "abominevole" l'abitudine degli uomini di depilarsi. Quando si tratta delle donne, invece, nonostante sia un sostenitore dell'assenza "totale" di peli, aggiunge:

"Preferisco un pelo in più a una ragazza sguaiata"