Carlo Conti ha rilasciato un'intervista a ‘La Nazione' nella quale ha riflettuto sul matrimonio e sulle motivazioni che spesso portano a posticipare la decisione di dire sì. Il conduttore non ha mai fatto mistero di essere stato affetto da "dongiovannite". Non avvertiva l'esigenza di una relazione seria, perché la sua vita era già perfettamente riempita dal lavoro e dal divertimento, poi però si è fatto forte il desiderio di condividere il suo cammino con qualcuno: "I vantaggi di un matrimoni posticipato? Tante avventure! (ride, ndr ). Ovviamente prima delle nozze e si presuppone che dopo si rispetti la fedeltà". Oggi Carlo Conti è felicemente sposato con Francesca Vaccaro. La coppia ha un figlio, Matteo.

Perché il matrimonio viene spesso posticipato

Carlo Conti ha riflettuto sui motivi che spingono i giovani di oggi a rimandare le nozze. Ritiene che, a causa di una situazione economica più precaria, ci sia la tendenza a restare in famiglia. Quindi ha aggiunto: "Nella società di oggi è più difficile avere una stabilità economica, i giovani tendono a restare in famiglia, anche per comodità. E poi c’è più libertà sessuale mentre un tempo bisognava sposarsi prima di avere un approccio con l’altro sesso o almeno così imponeva la società".

L'opinione dell'amico Leonardo Pieraccioni

Infine, ha riportato anche il punto di vista di Leonardo Pieraccioni. Se Carlo Conti ha ceduto al matrimonio, l'attore e regista non sembra affatto intenzionato a farlo. Ritiene che ci voglia, per citare Luca Carboni, un fisico bestiale per unirsi a un'altra persona nella buona e nella cattiva sorte. Purtroppo, lui si ferma sempre un passo prima dell'arrivo all'altare: "Leonardo sostiene che il matrimonio, le storie d’amore, siano una maratona. Lui dice di avere il fiato corto e riesce solo a fare i primi cento metri, io invece sono entrato in corsa agli ultimi chilometri e ho tagliato il traguardo".