C'era una volta la Caroline di Baywatch. Yasmine Bleeth è drammaticamente cambiata dai fasti di un tempo, quando con la popolare serie dei bagnini di Los Angeles spopolava in tutto il mondo, conquistando gli spettatori e campeggiando stabilmente sulle copertine delle riviste più importanti. Dopo una serie di problemi legali, tutti nati dall'abuso di droga e di alcool, dopo più di una riabilitazione, la Bleeth vive una esistenza drammatica lontano dai riflettori e dal lusso di un tempo.

Yasmine Bleeth oggi, cosa fa la Caroline di Baywatch

"Page Six" in un tweet ha pubblicato le foto più recente della Caroline di Baywatch. La vediamo con le mani in tasca, una tuta extralarge nera con il cappuccio. Si trova nel sud della California in compagnia del suo cane. È sola, non ha nessuno. Il suo aspetto non è più quello di un tempo. A 51 anni, è una donna in sovrappeso, irriconoscibile rispetto ai fasti di un tempo.

Le continue rehab per droga e alcool

Dal 1993 al 1997 era nella serie più importante dell'epoca, negli anni 2000 però ha perso letteralmente il controllo della sua vita. La prima rehab nel 2001, lei veniva dall'insuccesso di "Nash Bridges", la serie tv con Don Johnson. Dopo un paio di anni, l'arresto per droga e la condanna a due anni. Nel pieno del suo periodo negativo sposa Paul Cerrito, un proprietario di strip club. Nel 2003 rivelò a "People" la sua tossicodipendenza. Soprannominata Yaz, suo padre era Philip Bleeth, fotografo statunitense nato in una famiglia ebraica di origini russe e tedesche. La madre, Carina, era una modella di origini franco-algerina morta nel 1989 per un cancro al seno.

Il successo di Baywatch

"Baywatch" è stata una serie televisiva molto popolare, che negli Stati Uniti e in Italia è stata trasmessa dal 1989 al 2001. Ispirata al lavoro dei Los Angeles County Lifeguards, gli episodi caratterizzano storie di salvataggio, molti argomenti sociali, problemi riguardanti il mondo della gioventù e degli adulti. Nella serie, oltre a Yasmine Bleeth, c'erano anche David Hasselhoof e Pamela Anderson.