Caterina Balivo al centro delle polemiche per una foto pubblicata su Instagram mentre viaggia in auto con i figli, si vede la piccola Cora, e con Guido Maria Brera, suo marito, alla guida con le cuffie. Immediatamente i follower fanno presente questo aspetto: "Attenzione a guidare con le cuffie", "Si viola il codice della strada". Caterina Balivo si giustifica: "Ma era solo per cinque minuti". Il problema è che il Codice della Strada non ammette un tempo minimo, quindi tecnicamente ci sarebbe una infrazione. Del resto l'automobile non è ferma, ma in corsa.

Cosa dice il Codice della Strada

Ma che cosa dice il Codice della Strada riguardo l'utilizzo di cuffie e auricolari? Che può comportare il rischio di isolarsi, impedendo di poter tenere sotto controllo tutto quello che accade. È per questo motivo che le automobili oggi hanno quasi tutte il collegamento diretto con il Bluetooth, per permettere a chi guida di parlare a voce libera. Parla chiaro l'art. 173 del Codice della Strada:

È vietato al conducente di far uso durante la marcia di apparecchi radiotelefonici ovvero di usare cuffie sonore. È consentito l’uso di apparecchi a viva voce o dotati di auricolare purchè il conducente abbia adeguata capacità uditive ad entrambe le orecchie (che non richiedono per il loro funzionamento l’uso delle mani).

Quelle in foto sono cuffie sonore e gli auricolari sono ammessi solo se vengono indossati su un solo orecchio, così da avere una piena capacità uditiva dall'altro orecchio. Guido Maria Brera nella foto avrebbe quindi fatto un uso improprio. Per un personaggio pubblico, è importante cercare di fornire sempre un esempio virtuoso. L'ispiratore di "Diavoli", la serie tv tratta dal suo bestseller, in questo caso avrebbe fatto meglio a stare un po' più attento, magari cautelarsi uscendo fuori dall'inquadratura di sua moglie. O, meglio ancora, evitare, anche per quei cinque minuti. Con la vita non si scherza.