617 CONDIVISIONI
10 Agosto 2015
15:42

Charl van den Berg, Mr. Gay World 2010, è morto a 33 anni a causa di un cancro linfatico

È morto a soli 33 anni Charl van den Berg, Mr. Gay world 2010, originario del Sud Africa. Una lotta durata mesi contro un cancro linfatico, che alla fine ha avuto la meglio. L’organizzazione che lo aveva condotto sul podio, ha voluto salutarlo con un commovente messaggio.
A cura di Eleonora D'Amore
617 CONDIVISIONI

Charl van den Berg è morto a soli 33 anni a causa di un cancro linfatico. Il decesso è avvenuto in ospedale in Sud Africa, dopo una dura lotta durata mesi. Van Den Berg aveva vinto il titolo di Mr. Gay Sud Africa nel 2009, prima prima di trionfare come Mr. Gay World nel 2010 alle finali di Oslo. Era un attivista per i diritti LGBT, coinvolto anche nella lotta contro l'AIDS. In una dichiarazione contenuta nell'annuncio della sua morte, l'organizzazione Mr Gay World ha affermato: "Charl era sempre cordiale, socievole e ha avuto un comportamento esemplare, mantenendo i piedi ben saldi a terra e portando avanti il lavoro per il quale era stato scelto senza darsi mai arie. La sua risata contagiosa e il carattere appassionato ha reso piacevole qualsiasi collaborazione. Abbiamo perso un membro della nostra famiglia, un eroe e un amico. Charl van den Berg sarà sempre un'icona per molti in tutto il mondo".

Il commovente annuncio della morte di Charl van den Berg

È con profondo dolore che abbiamo appreso della scomparsa di uno dei membri di spicco della famiglia Mr. Gay World ™, Charl van den Berg, Mr. Gay World ™ 2010 dal Sud Africa, che ha perso la sua battaglia, troppo breve, contro un cancro linfatico. Ricordiamo con affetto quando Charl scese dal bus a Oslo per la prima volta e uno dei direttori osservò: "È tutto da guardare". E in effetti così è stato, impressionando colleghi, giudici e il pubblico e vincendo il titolo di Mr. Gay World 2010 contro una concorrenza agguerrita. Durante la sua carica, Charl ha continuato a sostenere il messaggio di Mr. Gay World dovunque andasse e a stringere nuove amicizie in tutto il mondo. È stato indispensabile con i media e ha fatto molte interviste per la televisione, vivendo a fondo il suo ruolo di ambasciatore per i diritti LGBT e diventando un modello per i giovani LGBT. Era amato non solo nelle Filippine, anche grazie alla sua partecipazione alla campagna di sensibilizzazione contro l'HIV in quel paese, ma in tutto il mondo e soprattutto nel suo paese, in Sud Africa, dove la sua vittoria è stata la prima notizia positiva del mondo LGBT, oltre che un valido aiuto nella battaglia contro le leggi discriminatorie, a finire sulle prime pagine di tutto il paese. Charl era sempre cordiale, socievole e ha avuto un comportamento esemplare, mantenendo i piedi ben saldi a terra e portando avanti il lavoro per il quale era stato scelto senza darsi mai arie. La sua risata contagiosa e il carattere appassionato ha reso piacevole qualsiasi collaborazione. Rimase per assistere e sostenere l'organizzazione anche quando perse la sua carica di Mr. Gay World. Nella notte in cui ha consegnato la sua corona di Mr Gay World al suo successore a Manila nel 2011, non ci fu la benché minima obiezione quando il pubblico salutarlo con una canzone d'addio. Abbiamo perso un membro della nostra famiglia, un eroe e un amico. Charl van den Berg sarà sempre un'icona per molti in tutto il mondo. Sarai sempre nei nostri cuori.

617 CONDIVISIONI
Charl van den Berg, Mr Gay World 2010
Charl van den Berg, Mr Gay World 2010
Taylor Swift canta sul palco per un bambino morto a causa di un cancro
Taylor Swift canta sul palco per un bambino morto a causa di un cancro
Jeremiah Green, batterista e fondatore dei Modest Mouse, è morto a causa di un cancro
Jeremiah Green, batterista e fondatore dei Modest Mouse, è morto a causa di un cancro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni