Chef Rubio appoggia il movimento Black Lives Matters ma non apprezza la partecipazione di personaggi noti sul web come Chiara Ferragni, che insieme al marito Fedez e ad altre note influencer ha preso parte alla manifestazione tenutasi a Milano domenica 7 giugno. Il cuoco televisivo è intervenuto con un messaggio su Twitter tutt'altro che tenero nei confronti di questi personaggi, accusati di aver partecipato solo per avere visibilità mediatica.

Lo sfogo di Chef Rubio

Effettivamente, la presenza nella piazza milanese dei Ferragnez e di nomi come Veronica Ferraro e Chiara Biasi ha suscitato parecchia curiosità, dal momento che un coinvolgimento così attivo di influencer in una causa importante come l'anti-razzismo e nelle proteste internazionali scatenatesi alla morte di George Floyd è un fatto nuovo in Italia. Il giudizio di Rubio è però implacabile:

Il fallimento della piazza è tutto negli scatti da poser di persone che non sanno un ca**o della vita e per du’ like farebbero di tutto! Fuck Racism cosaaaaaaaa! Cosaa! Brand ambulanti seguiti da pecore sempre di più assomiglianti a pappagalli. Le bestemmie, quelle mai troppe.

Le proteste di Black Lives Matter

Resta il fatto che le azioni di personaggi come la Ferragni portano ulteriore visibilità al movimento, che anche negli Stati Uniti e nel resto del mondo ha visto il coinvolgimento di star e celebrity. Pensiamo al discorso pieno di pathos e lacrime tenuto da John Boyega, attore di Star Wars che ha infiammato la folla a Londra, o ai tanti post condivisi da attori, musicisti, sportivi e personaggi della tv. Alla manifestazione di Milano ha partecipato anche il cantante Mahmood, peraltro vittima di crudeli attacchi razzisti all'epoca della sua vittoria al Festival di Sanremo, mentre alle proteste parallele tenutesi a Roma ha preso parte Damiano David dei Maneskin.