Clarissa Marchese e Federico Gregucci hanno iniziato una nuova vita, oltreoceano. La coppia nata a Uomini e Donne ha infatti lasciato l'Italia, per trasferirsi a Miami. Il motivo è il nuovo lavoro di Federico, chiamato a fare l'allenatore degli Under 11 dell’Academy della Juventus. Clarissa ha ovviamente deciso di seguire il giovane calciatore in questa avventura e, a giudicare dalle numerose foto che i due postano dalle spiagge dorate della Florida, sembrano trovarsi perfettamente a loro agio nella loro nuova patria.

Federico Gregucci racconta il trasferimento in America

Pochi mesi fa, lei si diceva pronta a passare il resto della sua vita insieme a Gregucci. Clarissa e Federico hanno da poco festeggiato il primo anno insieme e non hanno esitato a ripartire da zero e a buttarsi questa esperienza insieme, come lui ha spiegato in un'intervista al blog calcistico di Gianluca Di Marzio. D'altronde, il calcio è letteralmente nel dna del ragazzo: il padre è l'ex giocatore Angelo Gregucci.

Io c’ero stato da giovane, a lei l’America è sempre piaciuta. Quindi un giorno siamo partiti, praticamente senza nulla! Avevamo degli amici, ci hanno dato loro un appoggio. (…) L’Academy non la conoscevo. Grazie a una partita di calcetto ho conosciuto i dirigenti della scuola. Da subito mi è piaciuto il progetto e la serietà nel portarlo avanti. Qui non c’era una vera e propria tradizione calcistica. Il calcio come lo intendiamo noi, lo stanno iniziando a scoprire adesso.

Clarissa Marchese dopo le accuse contro Fausto Brizzi

Per amore del suo Federico, Clarissa ha lasciato l'Italia, dove pure ha raggiunto una certa notorietà grazie alla vittoria a Miss Italia e poi al percorso a Uomini e Donne. Il trasferimento, tuttavia, non le impedisce di continuare la sua redditizia attività di modella e web influencer. Recentemente, la Marchese è salita agli onori delle cronache per le accuse di molestie rivolte a Fausto Brizzi, che hanno scatenato lo scandalo intorno al cineasta di "Notte prima degli esami". La ex miss e tronista ha spiegato di aver ricevuto da lui alcune lezioni di recitazione in una casa-studio, che improvvisamente sarebbero degenerate in avance poco gradite: "Ad un certo punto mi ha detto: "Spogliati". Pensavo di non aver capito. Ha ripetuto: "Dovresti spogliarti". Mi sono sentita brutalizzata. Il regista professionale si era trasformato in un altro uomo".