Luca Bizzarri, attore e drammaturgo, celebre componente con Paolo Kessisoglu del duo "Luca e Paolo", è comprensibilmente sconvolto per il crollo del ponte Morandi, il viadotto Polcevera dell'A10 di Genova. Genovese, nel capoluogo ligure Bizzarri ha anche la sua scuola di recitazione, il CFA. Attraverso l'account della scuola, l'attore chiede ai suoi allievi di dare notizie, di far sapere "se state tutti bene". Successivamente, via twitter, l'attore si dice senza parole.

La reazione di Luca Bizzarri

"Una tragedia immane". Sono queste le parole che ritornano sempre, quelle utilizzate anche dal Ministro Danilo Toninelli nel commentare a caldo la notizia. Luca Bizzarri fa notare che "saranno tempi duri e difficili", dopo le lacrime.

Senza parole. Per Genova una tragedia immane. Sarà davvero difficile, per la città, riprendersi da questo disastro. Ci aspettano lacrime e, dopo le lacrime, tempi duri e difficili. Servirà la buona volontà e l'aiuto di tutti. Forza Genova, forza città mia.

Il bilancio delle vittime dopo il crollo del ponte

Secondo fonti della Croce Rossa contattate da Fanpage.it sarebbe salito a 32 il bilancio dei morti del crollo del ponte Morandi di Genova. "Ho 32 corpi coperti dai teli qui di fronte a me sembra di stare in un film dell'horror", ha detto uno dei soccorritori. Tra di loro, ci sarebbe anche una bambina di 10 anni. Quattro sono invece le persone estratte vive dalle macerie. Intanto, le immagini aeree riprese dai vigili del fuoco confermano che le campate del ponte crollate al suolo hanno investito in prevalenza l'area del torrente Polcevera e la ferrovia, colpendo, tra gli edifici sottostanti, il centro Amiu e un'altra palazzina. Sono rimaste in piedi, invece, le campate laterali del viadotto che sovrastano, oltre ad Ansaldo Energia, almeno quattro grandi condomini con decine e decine di appartamenti.