Demi Moore ha recentemente pubblicato un'autobiografia dal titolo "Inside Out", in cui emergono particolari intimi e molto drammatici sul passato dell'attrice. Quella raccontata in quelle pagine non è una vita patinata da diva hollywoodiana, ma una storia di dolore e sofferenza iniziata in giovane età. In un'intervista a Good Morning America, ha rivelato ulteriori dettagli su una violenza sessuale che avrebbe subito quando aveva soltanto 15 anni, e nella quale la madre avrebbe giocato un ruolo fondamentale quanto agghiacciante.

L'alcoolismo dei genitori, il tentato suicidio della madre

Proprio alla madre Virginia King (oltre che alle sue tre figlie Rumer, Tallulah Belle e Scout), l'attrice ha dedicato il libro, dal momento che è il suo passato tumultuoso ad aver fatto di lei la persona che è oggi. In "Inside Out", la Moore ha scritto dell'alcolismo dei suoi genitori e dei tentativi di suicidio della madre, a cui ha assistette personalmente. Questi particolari sarebbero già di per sé pesanti, ma il racconto più inquietante riguarda l'aneddoto secondo cui la King sarebbe stata solita portare la figlia Demi nei bar, affinché gli uomini le notassero. Una di quelle sere, la situazione degenerò drammaticamente.

Lo stupro

La Moore ha spiegato di essere stata stuprata, appena 15enne, da uno degli avventori di quei bar. Ancora oggi ricorda le parole raccapriccianti pronunciate dal suo aggressore: l'uomo le chiese come si sentisse a essere stata "venduta come una prostituta da sua madre" per soli 500 dollari. A Good Morning America, Moore ha riflettuto su quel gesto insano chiedendosi se quell'uomo abbia detto la verità: "Penso, nel profondo del mio cuore, di no. Non credo che si sia trattato di una vera e propria transazione. Ma lei gli ha permesso di farlo e mi ha messo in pericolo".

L'adolescenza della Moore fu segnata da un altro episodio. Dopo anni scoprì che il marito della madre, Dan Guynes, non era in realtà il suo padre biologico. Virginia King aveva avuto una relazione con uomo di nome Charles Harmon Sr, che però lasciò la donna dopo soli due mesi di matrimonio prima che la futura attrice fosse nata. Dopo questa rivelazione e il divorzio dei genitori, Demi lasciò la famiglia e la scuola superiore. Guynes si suicidò nel 1980, mentre la madre è morta di cancro nel 1998, poco dopo essersi riconciliata con la figlia.

Le rivelazioni piccanti su Ashton Kutcher

A 18 anni Demi sposò Freddy Moore, da cui divorziò poco dopo mantenendo comunque il suo cognome. Poi è arrivato il grande successo a Hollywood e il matrimonio con Bruce Willis, padre delle sue tre figlie; quindi il divorzio, anch'esso molto doloroso, e il matrimonio con Ashton Kutcher, più giovane di 15 anni. Anche sulla turbolenta e chiacchieratissima liason con Kutcher la diva ha svelato dettagli imbarazzanti. Come quando accettò controvoglia di avere rapporti sessuali a tre, pur di accontentare l'allora marito che voleva rendere la loro vita di coppia "intrigante". E le andò pure male: seguirono diversi tradimenti da parte di lui, fino alla separazione avvenuta nel 2011 e sancita dal divorzio nel 2013.