10 Luglio 2014
20:00

Diane Keaton: “Ero cotta di Al Pacino, volevo sposarlo”

Queste le parole dell’attrice Diane Keaton che ha ammesso di essersi presa una cotta per Al Pacino già ai tempi del primo “Il padrino”. Poi, però, i due non si sono mai sposati…
A cura di Fabio Giuffrida

A Repubblica.it parla Diane Keaton, nome d'arte di Diane Hall, classe 1946, attrice, produttrice cinematografia e regista che ha debuttato in teatro per poi dedicarsi al cinema nel 1970. La sua prima parte di rilievo fu quella di Kay Adams ne "Il padrino" ma fu la collaborazione con Woody Allen a renderla ancora più celebre. Con "Io e Annie" si aggiudicò nel 1978 l'Oscar come Miglior Attrice; successivamente recitò in "In cerca di Mr. Goodbar" nel 1997 e si guadagnò ben due candidature agli Oscar per le sue interpretazioni in "Reds" e "La stanza di Marvin". L'attrice non si è mai sposata ma ha adottato due bambini, Dexter nel 1996 e Duke nel 2001. Con Jack Nicholson, la Keaton si baciò sul set più volte perché "non era mai buona la prima" mentre con Douglas non "si era mai incontrata": "Era una vita che volevo lavorarci, la parte era perfetta per Michael di cui mi hanno colpito dolcezza e senso dell'umorismo. E' uno dei pochi con cui tentare la carta della commedia romantica, genere difficile". Ora ritorna al cinema con una commedia romantica: "Mai così vicini" di Rob Reiner.

Diane Keaton non si è mai sposata

Non si definisce una donna romantica anche se ha vissuto grandi amori: da Woody Allen (che recentemente ha pure difeso) a Warren Beatty che avrebbe preso l'aereo da New York a Los Angeles solo per tenerle la mano, visto che l'attrice avrebbe il timore di volare. "Fu un'esperienza davvero divertente, di quelle che ti capitano una volta nella vita. Mai avrei potuto immaginarlo quando, ragazzina, mi ero presa una cotta per lui guardando ‘Splendore nell'erba'". Ma il suo più grande amore rimane, senza dubbio, Al Pacino:

Sì, lo è stato. Anche perché ero più matura. Mi ero presa una cotta per lui già ai tempi del primo "Il padrino" ma avevo 41 anni quando abbiamo costruito il nostro rapporto. Ero pronta finalmente per il matrimonio, lui no. Così non accadde. Non mi sono masi sposata, non è stata una tragedia.

E' rimasta amica dei suoi ex, soprattutto di Woody Allen a cui "deve tutto". "Le opportunità che mi sono capitate nella vita, il viaggio umano e intellettuale, l'aver avuto successo come attrice. L'ho amato, lo amo e l'amerò per sempre. Credo in lui. E credo anche che abbia scritto un pezzo di storia del cinema" ha dichiarato a Repubblica.it. Ha sempre avuto, tra l'altro, la passione per le case: "Arredarle, comprarle e vendere, c'è stato un periodo in cui ho guadagnato più facendo questo che con il cinema" ha concluso Diane Keaton.

Diane Keaton difende Woody Allen:
Diane Keaton difende Woody Allen: "Gli credo, non ha molestato Dylan Farrow"
Al Pacino e James Rebhorn in
Al Pacino e James Rebhorn in "Scent of a Woman"
12.002 di antofox
Victoria Cabello:
Victoria Cabello: "Avevo una cotta per Morgan ma non mi ha mai guardata"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni