Elena Santarelli condivide sui social la foto del piccolo Regis, un bambino ricoverato nel reparto di neuro oncologia pediatrica dell’ospedale Bambino Gesù, lo stesso che sta curando il figlio Giacomo. Con la tenerezza che la contraddistingue e l’incrollabile aura di speranza, Elena fa sapere ai suoi followers che il piccolo ha finalmente terminato il suo ultimo ciclo di chemioterapie e che potrà tornare a casa:

Oggi sono più felice del solito. Ho conosciuto il piccolo Regis i primi di dicembre, quando hanno ricoverato mio figlio. Mi sono detta che se lui a 18 mesi fa le chemio e combatte, può farlo anche Jack.  Se la sua mamma ride, forse riderò anch’io quando metabolizzerò, ed è stato così. Finalmente oggi Regis ha finito la sua ultima chemio e per noi genitori guerrieri questa è la notizia che attendiamo con ansia. Sono felice per lui che non dovrà più ricoverarsi per le chemio e felice per i suoi genitori.

Le speranza di Elena per il suo bambino guerriero

Elena si augura di poter condividere al più presto tale gioia, poter finalmente riportare suo figlio a casa con la consapevolezza di non dover tornare in ospedale per sottoporsi ad altri cicli di cure: “Arriverà anche per me questa gioia prima o poi. Ne sono sicura. Devo solo avere tanta pazienza”. Poi si rivolge all’ospedale che ha curato Regis e che sta curando il suo piccolo Giacomo. Quelle cure le hanno restituito speranza e l’incrollabile certezza che tutto andrà per il verso giusto: “Tutto questo è stato possibile grazie all’Ospedale Bambino Gesù, al reparto di neuro oncologia pediatrica e all’amore di mamma Valentina e papà Roberto. Tutto il meglio per te, Regis”.

Il coraggio di raccontare la sua battaglia

È stato attraverso un’emozionante intervista a Verissimo che Elena ha dato un nome alla battaglia per la quale sta combattendo. Accanto lei , forte e coraggioso, c’è il piccolo Giacomo, figlio avuto dal marito Bernardo Corradi. La Santarelli ha ammesso di avere trovato dentro se stessa una forza che nemmeno immaginava di avere, la stessa che, unita all’amore folle che il suo bambino le ispira, la sta aiutando ad affrontare questo percorso giorno dopo giorno, sicura che presto il piccolo Giacomo tornerà a sorridere spensierato. Come ogni bambino merita.