Un legame che supera quello che si stabilisce tra due professioniste che lavorano nello stesso settore: è il rapporto che lega Eleonora Daniele a Mara Venier, ‘zia Mara’ come la chiamano lei e svariati altri milioni di italiani. Intervistata da Famiglia Cristiana, la conduttrice di Storie Italiane su Rai1 conferma di volere che sia proprio Mara a fare da madrina a Carlotta, la sua prima figlia. Una scelta ponderata, alla cui base c’è l’affinità tra le due. Con lei, Eleonora riesce a parlare di cose importanti: “Zia Mara… io la chiamo così. È una donna unica, una grande professionista. Con lei nell’ultimo anno ho parlato di due cose importanti: una spiacevole, la scomparsa di mio fratello Luigi, che soffriva di una grave forma di autismo, e una molto bella, l’arrivo di Carlotta”. Proprio le difficoltà sperimentate con l’adorato fratello Luigi hanno portato la conduttrice a interrogarsi sulla vita delle famiglie costrette ogni giorno a fare i conti con la disabilità durante questo periodo segnato dalla pandemia di coronavirus:

In questi giorni complicati il mio pensiero è andato spesso alle famiglie che convivono con disabilità mentali, alla loro difficoltà nel tenere questi ragazzi soprattutto nei momenti più complessi quando l’autolesionismo diventa impossibile da sostenere. Per loro uscire è libertà, l’occasione per sfogarsi e mantenere un equilibrio. Vivere con una disabilità, soprattutto da sorella, ti permette di guardare il mondo con occhi diversi, mi ha fatto crescere molto più velocemente.

L’arrivo di Carlotta, prima figlia di Eleonora Daniele

Tra pochi mesi Eleonora diventerà madre di Carlotta. Si tratta della prima figlia per la conduttrice, avuta dal marito Giulio Tassoni. “La nascita di Carlotta? Grazie a lei, supererò tutte le paure di questi giorni difficili. Sarà una bella rivoluzione, anche l’universo è nato dal caos e lei sarà il nostro universo. Lei è forte: sento già che mi dà ordini” racconta la Daniele già conquistata.

Con il pensiero a mamma Iva

Durante gli ultimi mesi della sua gravidanza, il pensiero di Eleonora continua ad andare a mamma Iva. “Mi immagino con lei al telefono a raccontarle, dopo la diretta, le mie paure, a ragionare sulla valigia per andare a partorire. Magari le scriverò una lettera perché possa restare nel tempo” sostiene emozionata “Di lei vorrei che Carlotta prendesse l’eleganza; è sempre stata bella, curata e mai esagerata, io la vedevo come una principessa. Vorrei con Carlotta avere la sua capacità di trasmettere determinati valori”.