302 CONDIVISIONI
2 Maggio 2013
16:12

Fabrizio Corona non ha ancora rivisto Carlos, Nina Moric ne spiega i motivi

Sulle pagine di Chi, Nina Moric torna a parlare di Fabrizio Corona e della maniera in cui svolgeva il suo ruolo di padre. Spiega anche i motivi per cui Carlos non è ancora andato in prigione ad incontrarlo e le responsabilità che lei sente di avere nei confronti di suo figlio.
A cura di Daniela Seclì
302 CONDIVISIONI

Mentre Fabrizio Corona sconta la sua pena in carcere, la sua ex moglie Nina Moric, torna a parlare di lui sulle pagine di Chi. Discutendo principalmente del loro ruolo genitoriale, chiarisce i motivi per i quali il figlio Carlos non ha ancora avuto modo di abbracciare suo padre. La cosa non sembrerebbe dipendere dalla volontà della bella top model. Si tratterebbe, infatti, di decisioni provenienti dall’alto.

"Non è stata autorizzata nessuna visita in carcere per il momento. I motivi non li conosco"

L’intervista diventa anche un’occasione per tornare a precisare il rapporto che Corona avrebbe avuto con il bambino prima del suo arresto. A quanto rivela la Moric, Fabrizio non sarebbe stato un padre molto presente:

"Carlos in dieci anni ha visto pochissime volte il padre, più o meno tutte le volte che li avete visti fotografati insieme.”

Precisa, poi, che le sue azioni sono sempre finalizzate all’unica cosa che per lei conta davvero, ossia la serenità di Carlos:

“Non voglio essere giudicata come madre. Sono sempre stata presente, da quando Carlos è nato a oggi, ho riempito tutti i vuoti che aveva per l'assenza di un padre: non mi sento eroica, però mio figlio è tutto ciò che ho e non voglio che soffra, voglio che sia felice e lui ora è sereno".

302 CONDIVISIONI
"Fabrizio Corona vedrà Carlos dopo la fine della scuola", assicura Nina Moric
Nina Moric non concederà il divorzio a Corona:
Nina Moric non concederà il divorzio a Corona: "Combatterò per Carlos"
Nina Moric:
Nina Moric: "E' vergognoso che la polizia abbia interrogato Carlos"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni