Daniele Bossari e Filippa Lagerback non sono in crisi e, se crisi c'è mai stata, è ampiamente superata. A dimostrarlo sono alcune foto pubblicate dalla coppia in queste vacanze estive, che mostrano due persone serenissime, affezionate e legate. Il settimanale Diva e Donna in questi giorni ha dedicato spazio alla coppia, spiegando appunto come tra i due conduttori televisivi sia tornato il sereno

Questa estate la coppia sembra essere di nuovo unita. Filippa Lagerback, modella e showgirl, e il conduttore Daniele Bossari, che hanno una figlia Stella di 14 anni e stanno insieme dal 2000, stanno trascorrendo una vacanza a Paros, in Grecia.

Tutto tranquillo, dunque, per due persone che da 16 anni si scelgono "ogni giorno". Una frase non a caso pronunciata in un'intervista da Filippa Lagerback, che ribadiva il motivo per il quale non avrebbe sposato Daniele Bossari:

È come se fossimo già sposati. Abbiamo convissuto fin dal primo giorno in cui ci siamo conosciuti, abbiamo una figlia meravigliosa e la sola idea dei tempi necessari per l’organizzazione delle nozze ci frena. Daniele e io ci scegliamo ogni giorno, ci diciamo di ‘sì' ogni giorno, e questo vale più di un ‘sì' di fronte all’altare. Ciò che conta è continuare questo viaggio insieme, che dura ormai da più di 16 anni

A post shared by Filippa Lagerback (@filippalagerback) on

Insomma, una crisi che in qualche modo, forse, non è mai esistita. Filippa Lagerback e Daniele Bossari stanno insieme da tantissimo tempo, cosa non semplice e soprattutto rara, se si considerano coppie del mondo dello spettacolo. I segreti per avere un rapporto di questo tipo li ha spiegati il volto di Che Tempo che Fa: "Il segreto è avere reciprocamente rispetto ed essere sempre leali, avere la voglia di stare insieme mantenendo le libertà e gli spazi individuali. Facciamo un lavoro simile, quindi capiamo che se uno non può essere presente è per via degli impegni professionali e non per cattiva volontà. È comunque molto importante, lo ripeto, rispettare la libertà di scelta reciproca e sostenersi a vicenda, ma senza mai trascurare la propria autonomia".