Adam Levine, il cantante diventato sex symbol

Francesco Facchinetti torna a parlare dell’aggressione surreale di Conor McGregor avvenuto nella notte tra sabato e domenica. Ancora molto deluso e con il volto tumefatto, l’imprenditore spiega: “Ho lavorato nel mondo della notte, so cosa accade a certe ore. Aveva il cervello spento, avrebbe tirato un pugno a chiunque”.
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni