12 Agosto 2017
18:07

Francesco Baccini: “Io non devo tirare fuori il ca*** per provocare, lo faccio con parole e pensieri”

Francesco Baccini ha pubblicato una riflessione sulla sua pagina Facebook. L’artista ha criticato i media odierni che a suo dire avrebbero causato un’omologazione verso il basso. Inoltre, ha rivendicato la sua capacità di provocare senza gesti eclatanti, ma con pensieri e parole.
A cura di Daniela Seclì

Francesco Baccini è molto attivo sui social. Sulla sua pagina Facebook, seguita da oltre 28 mila persone, pubblica spesso delle riflessioni. L'ultima risale a poche ore fa. A una foto che ritrae il suo taglio di capelli, Baccini ha accostato il suo pensiero sull'arte del provocare:

"Io sono un provocatore ma non di quelli che si deve tirare fuori il c… e farsi un selfie (di quelli ce ne sono a migliaia)".

Francesco Baccini e la critica a Mediaset e Rai

La riflessione di Francesco Baccini continua:

"Io provoco con le parole e coi pensieri, a volte solo col mio modo di essere".

Dunque, sembra formulare una critica alla tv odierna e – più in generale – ai media che hanno abituato il pubblico alla mediocrità:

"Lo so, lo so, tanti non ci sono più abituati dopo 30 anni di Mediaset e Rai edulcorate di network radiofonici e giornali rassicuranti e di canzoncine che non dicono assolutamente niente. Questa è la dittatura moderna, molto più sottile e subdola che ha cancellato il senso critico (specialmente alle nuove generazioni) nel nome dell'omologazione verso il basso".

I dubbi di Cecilia: “Non posso dimenticare le telecamere, prima devo chiarire quanto c’è fuori”
I dubbi di Cecilia: “Non posso dimenticare le telecamere, prima devo chiarire quanto c’è fuori”
I 50 modi di Francesco Facchinetti per far fuori papà Roby:
I 50 modi di Francesco Facchinetti per far fuori papà Roby: "Non sa cosa l'aspetta"
Francesco Moser, papà di Ignazio:
Francesco Moser, papà di Ignazio: "Fuori dal GF Vip? Finalmente torna a lavorare la campagna"
62.100 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni