392 CONDIVISIONI
1 Agosto 2020
20:43

Francesco Facchinetti: “Un uomo mi ha detto ‘Figlio di p**, muori’, volevo ammazzarlo di botte”

Francesco Facchinetti si è sfogato su Instagram. Secondo quanto racconta, mentre era fermo a un semaforo un uomo sulla cinquantina lo avrebbe insultato dicendogli: “Figlio di put***, muori”. Poi avrebbe sputato sulla sua auto. Il produttore ha spiegato: “A quel punto dico ‘Adesso lo ammazzo di botte. Mi ha toccato mia madre, devo scendere'”. Alla fine, però, ha lasciato correre rintracciando nel comportamento dell’uomo solo invidia.
A cura di Daniela Seclì
392 CONDIVISIONI

Disavventura per Francesco Facchinetti. Il produttore ha pubblicato un lungo sfogo nelle Instagram Stories. Secondo quanto racconta, un uomo sulla cinquantina lo avrebbe aggredito verbalmente mentre erano fermi al semaforo. La persona in questione avrebbe inveito contro di lui, poi avrebbe sputato sulla sua auto.

Francesco Facchinetti racconta la disavventura

Francesco Facchinetti ha spiegato che si stava recando in ufficio a Milano, quando al semaforo un uomo ha iniziato a inveire contro di lui. Il produttore si è spazientito e il primo impulso è stato quello di scendere dall'auto e rispondere con la stessa veemenza. Un suo amico e collaboratore, però, lo ha fermato:

"Mentre stavo andando in ufficio a Milano, a un semaforo un signore sulla cinquantina abbassa il finestrino. Sputa sulla macchina e mi dice ‘Figlio di put**na, muori'. A quel punto, lo sapete che sono fumantino, dico ‘Adesso lo ammazzo di botte. Mi ha toccato mia madre, devo scendere'. Carlo mi dice: ‘Stai tranquillo, abbiamo degli appuntamenti in ufficio e siamo già in ritardo'. Questa è stata la scusa per non farmi scendere".

Secondo Facchinetti, l'uomo sarebbe stato mosso dall'invidia

Una volta giunto in ufficio, Francesco Facchinetti ha riflettuto su cosa possa aver spinto quell'uomo a scagliarsi contro di lui. Così, è giunto alla conclusione che gli insulti del cinquantenne fossero mossi dall'invidia. Dunque, ha proseguito il suo sfogo dicendo di provare pena per lui e spiegando perché invidiare qualcuno non serve a niente:

"Quando sono arrivato in ufficio, ho cercato di capire cosa spingesse un uomo sulla cinquantina a dire: ‘Figlio di put**na, muori' e sputargli sulla macchina. Sicuramente questo signore sarà poco intelligente. Però probabilmente è un sentimento d'invidia. Invidia distruttiva, non costruttiva. Persone che invidiano, lasciatevi dare dei consigli: l'invidia non cambia il vostro stato sociale perché chi invidia è una persona mediocre. Vivrete nella vostra mediocrità per tutta la vita. Fino a quando continuerete a invidiare sarete persone mediocri e non succederà niente. Inoltre, se voi mi invidiate la mia vita non cambia. Al massimo devo pulire lo sputo che ho sulla macchina e poi rido di voi. Sto ridendo di te che mi hai sputato sulla macchina, mi fai pena. Io torno a casa mia con la mia bella macchina, la mia bella casa, la mia bella famiglia e tu, invece, vai a casa incaz**to con la tua macchina di mer*a e non cambierai nulla della tua vita".

Infine, ha parlato delle soddisfazioni che sta ricevendo sul lavoro e ha concluso: "Se invidiate, la vita vi regalerà soltanto mer*a, per chi si comporta bene, il forziere sarà pieno zeppo di diamanti".

392 CONDIVISIONI
Gf Vip, Francesco Oppini:
Gf Vip, Francesco Oppini: "Flavia Vento? Rischi di ammazzarla di botte"
Francesco Facchinetti ricorda Stefano D'Orazio:
Francesco Facchinetti ricorda Stefano D'Orazio: "Preserviamo gli anziani, memoria storica del Paese"
Francesco Facchinetti: ''Io sono il figlio dei Pooh, Stefano D'Orazio era mio zio''
Francesco Facchinetti: ''Io sono il figlio dei Pooh, Stefano D'Orazio era mio zio''
2.799 di Mediaset
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni