Franco Battiato, uno dei più grandi maestri della musica italiana, è morto oggi, 18 maggio 2021. Aveva 76 anni. Ed è morto senza una compagna di vita al suo fianco. Da sempre anticonformista e poco propenso alle convenzioni, non si è mai spostato e non ha mai avuto figli. “Sono stato innamorato solo una volta, a sedici anni. Lei mi faceva tremare le gambe. Fu bello, perché finì lì. Un altro anno di quei turbamenti mi avrebbero ucciso”, aveva raccontato al Corriere in un'intervista del 2015, parlando del suo unico vero amore. Per lui l'amore era capacità di far sentire libero il partner: "Due che stanno insieme devono avere la capacità di darsi autonomia a vicenda. E poi a me piace dormire da solo".

La ricerca della spiritualità

Maestro per molti musicisti e autore de La Cura è morto nella sua casa di Milo, in provincia di Catania, a seguito di una lunga malattia, stando alle continue voci che si susseguono da quando è scomparso dalle scene. Viveva in una splendida dimora alle pendici dell'Etna: "Non ci vivo da solo, non me la sentirei: ho una certa servitù che mi aiuta, nella dependance vive una famiglia marocchina molto discreta. E poi ho la cuoca, che cucina in modo divino". Più volte aveva sottolineato una particolare ritrosia ad impegnarsi in un legame affettivo stabile e duraturo. Un atteggiamento di chiusura che apparentemente è in contrasto con i suoi celebri brani, molti dei quali appunto dedicati all'amore. Ma in fin dei conti Battiato non è mai stato contro l'amore, anzi. L'artista è stato soltanto un accanito ricercatore della sua spiritualità, non disposto a compromessi, rigoroso e soprattutto coerente con se stesso. Dedito alla meditazione e al raccoglimento, al contrario di quanto si possa pensare non ha mai praticato la castità.

Franco Battiato (ph Roberto Pagliani)
in foto: Franco Battiato (ph Roberto Pagliani)

Le donne in casa e le camere separate

"Non ho mai praticato la castità. Questo è stato il mio problema. Io ho una necessità di libertà, non potrei mai litigare per un dentifricio spostato". Il cantante parlando del suo passato confessava:

Quando ero molto giovane e suonavo con il mio complesso, ero sempre circondato dalle donne: una volta ce n’era una sulla quale avevo puntato e una sera venne a casa mia. Ai tempi avevo pochi soldi, così uscii e comprai tre yogurt, poi andai a farmi la doccia: quando tornai fuori, scoprii che li aveva mangiati tutti e tre. Ma come, le dissi, neanche uno me ne hai lasciato? Ecco, diciamo che anime gemelle non ne ho avute… Ma amiche degne di questo nome, sì, e ogni tanto ce n’è qualcuna che viene a stare qui con me per cinque, dieci giorni. In camere completamente separate, però, per forza.

Nel corso degli oltre suoi cinquant'anni di carriera, Battiato non ha mai ufficializzato alcun legame né ha avuto figli.

L'evoluzione e i figli mai avuti

In un video tratto da "Temporary road. (Una) vita di Franco Battiato" dialogando con il poeta Giuseppe Pollicelli, l'artista intimamente affermava: "La preghiera è un mezzo favoloso che può guarirci e può aiutare i morti nel passaggio a miglior vita. Non si insegna al catechismo in che modo pregare, lo capisci grazie alle esperienze e solo ascoltando la voce interiore. Non possiamo trascurare la nostra voce interiore e le nostre esperienze. Esistiamo per seguire il nostro destino ed evolverci, non certo per fare figli e produrre simili copie".

Nel suo intervento il cantautore parlò anche di Dio e del destino: "Dio è lontano e la gente non può pensare che  protegge tutti, di certo non conosce le cose che ci riguardano. Ognuno di noi ha un destino da compiere, ma siamo noi a scegliere come vivere. E ogni volta che sbagliamo torniamo indietro".