Secondo quanto scrive Carlo Mondonico per Novella 2000, il settore delle televendite sarebbe particolarmente redditizio per Giorgio Mastrota. L’ex marito della mediaticamente scomparsa Natalia Estrada arriverebbe a guadagnare cifre da capogiro solo prestando il volto, la voce e la sua professionalità alle numerose aziende che gli si rivolgono affinché sponsorizzi i loro prodotti in televisione. Giorgio è il volto di società molto note che producono materassi, pentole e altri beni di utilizzo casalingo. Proprio tali prodotti gli consentirebbero di provvedere in maniera più che dignitosa al suo sostentamento, quasi come se lavorasse ancora in televisione da protagonista del piccolo schermo. Lui stesso dichiara che non abbandonerebbe mai questo settore:

All’inizio è stato un ripiego, una necessità: con il passare del tempo però mi sono specializzato in questo settore, che non ho più abbandonato e non lascerei per niente al mondo.

Secondo quanto riporta Dagospia, Mastrota guadagnerebbe fino a 850 mila euro l’anno:

Giorgio Mastrota è il re indiscusso delle televendite Mediaset. Dopo aver raggiunto il successo come conduttore è passato alle telepromozioni, non senza fatica. […] Anche perché è arrivato a guadagnare 850mila euro in un anno, come ha ammesso lui stesso. Infatti non esiste prodotto che non riesca a vendere con risultati sorprendenti: dalle pentole ai box doccia, passando per le poltrone e soprattutto i materassi. In tema lui è un vero leader, e sono in molte le donne nell’ambiente dello spettacolo a giurare che Giorgio era bravissimo anche quando ci si cimentava sopra, con prestazioni davvero da record con moltissime famose oggi ben maritate. Ecco perché ancora adesso, a distanza di anni, continuano a chiamarlo “Il re dei materassi”.

Il riferimento al suo passato da latin lover è da prendere con le pinze. Giorgio è diventato padre per la terza volta solo due anni fa e la famiglia rappresenta ancora il suo bene più importante. Pochi mesi fa, raccontò con dolore l’esperienza traumatica vissuta dalla figlia che si trovava in Nepal durante il terribile terremoto le cui immagini devastanti hanno fatto il giro del mondo. L’uomo ha tirato un sospiro di sollievo solo quando ha potuto finalmente riabbracciare la sua bambina.