Intervistato da Rtl 102.5 Giovanni Cottone, ex marito di Valeria Marini, ha voluto replicare alle dichiarazioni rilasciate dalla showgirl al Corriere della Sera. La Marini, infatti, aveva spiegato che la rottura era dovuta principalmente ad un problema affettivo: il matrimonio non sarebbe mai stato consumato e lui avrebbe usato "toni inaccettabili verso i familiari" della moglie. Insomma, è durato pochissimo il loro matrimonio che, tra l'altro, potrebbe anche finire nelle aule di un tribunale. Ad Rtl 102.5 Giovanni Cottone non ha risparmiato critiche alla sua ex moglie definendo una "bufala" la sua dichiarazione in merito al presunto "matrimonio non consumato":

Questa è una bufala alla Marini, smentisco assolutamente, anzi anche abbondantemente. Questa sua dichiarazione è lesiva, diffamatoria e irreale. Mi riservo di difendermi nelle sedi più giuste. Siamo stati insieme 8 anni, abbiamo consumato anche la sera stessa del matrimonio, abbiamo avuto modo. […] Siamo molto lontani a chiedere l'annullamento.. […] Cancellando tutto lei può avere la possibilità di rifare un altro show, come quello che ha già fatto.

E' vero che Cottone avrebbe trattato male la madre della Marini? Questa la sua risposta:

A parte che non si fa trattare male da nessuno la signora, e poi non ne avrei avuto motivo.

Non firmerà nemmeno l'annullamento alla Sacra Rota:

Questo mai. Sarebbe un sacrilegio e non potrei assolutamente. Poi, viste le sue ultime avventure nelle Baleari, sai sono un po' siciliano, un po' bigotto…